L'ASIC propone il ban delle binarie e restrizioni sui CFD's

L'autorità che regola il mercato finanziario australiano ha pubblicato un documento di consultazione che propone alcune restrizioni, che seguono la direzione intrapresa qualche tempo fa in europa dall'ESMA.

La Australian Securities and Investments Commission (ASIC) ha pubblicato un documento consultivo che propone di bannare completamente le opzioni bnarie, a causa delle ingenti perdite subite dai clienti retail australiani con questo tipo di prodotto.

Per quanto riguarda i CFD's, invece, la ASIC ha proposto delle restrizioni simili a quelle imposte in europa dall'ESMA, con la differenza che sarà fatta alcuna differenza tra valute major e minori, la leva proposta sarà di 20:1 per tutti i cross.

Per gli indici, la leva proposta è di 15:1, per le materie prime (escluso l'oro) la leva proposta è di 10:1 (per il GOLD 20:1), per le cripto 2:1 e per le azioni 5:1.

Al momento il regolatore australiano sta raccogliendo i feedback da parte dei consumatori, ma è molto probabile che, esattamente come in europa, a breve queste proposte verranno applicate.

 

0 - Commenti