OIL WTI

Come indicato nelle analisi precedenti era fondamentale che lo strumento tenesse area 44.00 dollari, il livello che combaciava con l’uscita dalla nuvola e con la EMA a 200.

Purtroppo l’area è stata violata al ribasso e siete stati testimoni di cosa è successo dopo: potete dunque capire perché reputavo l’area cosi importante. Ora ci troviamo in zona 41.00, da dove passa una forte resistenza sul medio periodo: non credo però che la corsa al ribasso sia ancora terminata. WTI è sceso talmente veloce che è logico aspettarsi una stabilizzazione, ma il fatto che non ci sia stato neanche un timido tentativo di rimbalzo fa presagire che la discesa dovrebbe continuare.

Mi aspetto quindi  una continuazione del trend ribassista fin verso 38.00 dollari dove troviamo il supporto più forte creatosi durante la salita dal minimo di 26.00 dollari di Febbraio al massimo di Giugno. A mio avviso in ottica di medio periodo, e quindi in ottica quarto trimestre, area 38 dollari sarebbe un ottimo punto di ingresso SE oil WTI dovesse dare segnali di ripartenza.

0 - Commenti