IEA: “prepararsi immediatamente a stop gas russo”, ecco i dettagli | Investire.biz

IEA: “prepararsi immediatamente a stop gas russo”, ecco i dettagli

Per l'IEA, l'Europa deve prepararsi all'interruzione delle esportazioni di gas russo: è necessario ridurre la domanda e mantenere aperte le vecchie centrali nucleari

L'Agenzia Internazionale per l'Energia ha avvertito che l'Europa deve prepararsi immediatamente all'interruzione completa delle esportazioni di gas russo quest'inverno, esortando i governi a prendere misure per ridurre la domanda e mantenere aperte le vecchie centrali nucleari.

IEA avverte l’Europa di prepararsi immediatamente a stop gas russo

Fatih Birol, numero uno dell'IEA, ha affermato che la decisione della Russia di ridurre le forniture di gas ai Paesi europei nell'ultima settimana potrebbe essere un precursore di ulteriori tagli, in quanto il Cremlino cerca di guadagnare "influenza" mentre prosegue la guerra in Ucraina.

"L'Europa dovrebbe essere pronta nel caso in cui il gas russo venga completamente tagliato", ha dichiarato Birol al Financial Times in un'intervista. "Più ci avviciniamo all'inverno, più capiamo le intenzioni della Russia", ha affermato. "Credo che i tagli siano orientati a evitare che l'Europa riempia gli stoccaggi e ad aumentare la leva della Russia nei mesi invernali".

L'AIE, che è finanziata principalmente dai membri dell'OCSE, l'anno scorso è stata uno dei primi organismi ufficiali ad accusare pubblicamente la Russia di aver manipolato le forniture di gas all'Europa nel periodo precedente all'invasione dell'Ucraina.

Birol ha affermato che le misure di emergenza adottate questa settimana dai Paesi europei per ridurre la domanda di gas, come l'accensione di vecchie centrali elettriche a carbone, sono giustificate dalla portata della crisi, nonostante le preoccupazioni per l'aumento delle emissioni di carbonio.

L'aumento della produzione a carbone era "temporaneo" e avrebbe contribuito a preservare le forniture di gas per il riscaldamento invernale. Qualsiasi emissione aggiuntiva di CO₂ dovuta alla combustione di carbone altamente inquinante sarebbe stata compensata da un'accelerazione dei piani europei per ridurre la dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili e per aumentare la capacità di generazione da fonti rinnovabili, ha aggiunto.

Le misure adottate finora dai Paesi europei non saranno sufficienti

Ma Birol ha avvertito che le misure adottate finora dai governi europei probabilmente non sarebbero sufficienti se le esportazioni russe fossero completamente interrotte, e ha detto che i Paesi dovrebbero fare tutto il possibile per preservare le forniture ora, per garantire che i depositi possano essere riempiti prima dei mesi invernali.

"Credo che con l'approssimarsi dell'inverno i governi europei adotteranno misure di domanda sempre più severe", ha dichiarato Birol, aggiungendo che il razionamento delle forniture di gas rimane una possibilità concreta se la Russia dovesse tagliare ulteriormente le esportazioni.

La Svezia e la Danimarca martedì hanno seguito la Germania, l'Austria e i Paesi Bassi annunciando la prima fase dei piani di emergenza per preservare le forniture di gas, ma nessuno di questi piani nazionali include ancora il razionamento.

Il capo dell'AIE ha affermato che i Paesi dovrebbero cercare di ritardare la chiusura di qualsiasi impianto nucleare destinato alla chiusura per contribuire a limitare la quantità di gas bruciato nella produzione di elettricità.

La Germania è stata criticata a lungo per la sua decisione di continuare a smantellare gli ultimi impianti nucleari durante la crisi energetica. Berlino ha dichiarato di ritenere che gli ostacoli tecnici e di sicurezza per mantenere aperte le centrali siano troppo elevati.

IEA: necessari investimenti nelle energie rinnovabili

Birol ha detto, prima della pubblicazione di un nuovo rapporto sugli investimenti dell'IEA, che i governi non stanno ancora facendo abbastanza per incoraggiare gli investimenti nelle energie rinnovabili per frenare la domanda di combustibili fossili.

Si prevede che gli investimenti energetici complessivi cresceranno quest'anno dell'8%, raggiungendo i 2,4 miliardi di dollari, grazie alle energie rinnovabili e all'aumento dei costi. L'anno scorso l'IEA ha dichiarato che il mondo non ha bisogno di investire in nuovi giacimenti di petrolio e gas se i governi vogliono raggiungere gli obiettivi di zero emissioni entro il 2050.

Birol ha inoltre affermato che senza l'attuazione di politiche volte a ridurre in modo significativo il consumo di combustibili fossili, il mondo continuerà ad affrontare pericolose oscillazioni dei prezzi del petrolio e del gas.

Sebbene vi siano alcuni segnali positivi di crescita degli investimenti in forme di energia più pulite, in parte derivanti dal desiderio dell'Europa di rompere la sua dipendenza dall'energia russa, ha affermato che a livello globale il quadro è tutt'altro che omogeneo. Nei Paesi in via di sviluppo, esclusa la Cina, gli investimenti nelle energie rinnovabili non sono cresciuti in termini reali dal 2015.

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti