COT Report: analisi Platino

Buongiorno,

a livello settimanale il Platino si trova in un trading range laterale da fine dicembre 2016, compreso tra la zona di 1020/1030 come livello di resistenza e la zona di 885/900 come zona di supporto.

Nell’immagine si può notare come il prezzo abbia appunto testato per 4 volte la zona di supporto e per 3 volte quella di resistenza, senza però riuscire a violare i livelli segnati e ripartendo in direzione opposta.

Il Cot report ci mostra come dopo aver toccato dei massimi di open interest poco sopra area 30, i valori abbiano poi iniziato a scendere velocemente avvicinandosi alla linea dello zero.
I dati appena usciti ci restituiscono un significativo aumento delle posizioni short da parte dei grandi investitori, dato che si traduce in un valore di net open interest pari appena ad 1,9: una diminuzione quindi di circa 30 punti percentuali in poco più di un mese di contrattazioni.

Il platino viene utilizzato nelle industrie del settore automobilistico, chimico, petrolifero, elettrico, del vetro e biomedicale.
Una parte considerevole della domanda di questa metallo viene utilizzata nella produzione di catalizzatori per le emissioni dei motori diesel, settore notevolmente sotto pressione dopo gli ultimi avvenimenti.

Questo ha portato ad una sfiducia da parte di alcuni investitori verso il platino, mentre una parte di essi ritiene che ci sarà comunque un aumento della domanda nel corso del 2018, avendo lo stesso una svariata serie di applicazioni industriali possibili.

Vedremo quindi se i prossimi dati del Cot report confermeranno una tendenza al ribasso ed una eventuale rottura della zona di supporto evidenziata in precedenza, oppure se questa funzionerà nuovamente da base di ripartenza per le quotazioni.

 

3 - Commenti

Valerio Zambelli - 15 aprile 09:22 Rispondi

Un aumento dei contratti short aperti sul platino porta le net positions ad un valore negativo di -5,3

Valerio Zambelli - 21 maggio 14:01 Rispondi

prosegue come ipotizzato la discesa del platino, la settimana conclusa ha fermato le quotazioni a ridosso della resistenza in area 890, mentre attualmente i prezzi sembrano voler scendere ancora. le net positions sono ad un valore negativo di -17 punti percentuali, confermando un progressivo sbilanciamento verso le posizioni short iniziato ad Aprile.

Valerio Zambelli - 22 giugno 15:41 Rispondi

sembra definitivamente superato il supporto in zona 886, le net positions secondo il cot report hanno toccato un valore minimo di oltre -25 punti percentuali alla fine di maggio.

al momento i contratti in essere dei "big players" sono circa il doppio per quanto riguarda le posizioni short rispetto a quelle long.