Analisi volumetrica GOLD - 23/11/2018

Ciao ragazzi, 

L'oro si è stabilizzato all'inizio di questa settimana quando il dollaro si è indebolito. Tuttavia, ha invertito al ribasso quando un sell off del mercato azionario ha alimentato un acquisto rifugio nel dollaro USA. Affinché l'oro possa sostenere la sua attuale forza, avremo bisogno di un dollaro più debole.

Il rialzo del dollaro è stato provocato anche dagli ultimi dati economici statunitensi più deboli delle attese, suscitando preoccupazioni in merito alle aspettative sui futuri rialzi dei tassi della Fed. 

Se la Fed è veramente dipendente dai dati economici, penso che sia ora che i membri della FED prendano seriamente in considerazione la possibilità di ridurre il ritmo dei futuri rialzi dei tassi. Il pericolo di una recessione economica è sempre più vicino.

L'attuale ripresa dell'oro suggerisce che gli investitori stanno già scommettendo su una Fed più accomodante.

Le prossime due settimane saranno cruciali per l'oro; se i compratori vogliono avere una tregua, devono semplicemente rompere la zona dei 1243-1250 dollari. A quel punto, potremmo arrivare fino al livello 1257, per poi tentare un allungo fino ai 1279-1304 dollari.  Se non ciò succederà, una forte rottura dei 1189 dollari aprirà la porta a un ritorno nei 1160 dollari, i minimi del 2018. Da qui è facile ipotizzare un cammino verso i 1140 dollari, con estensione alla zona dei 1088-1065 dollari. 

Interessanti punti di reversal li abbiamo nei 1243-1257 (short) e 1189-1160 (long). 

Seguiranno aggiornamenti.

STAY TUNED!

-----

> Il nuovo corso scalping, con nuovi contenuti e tantissime novità, come l'indicatore Wolfvolume, è concluso, ma le registrazioni sono già disponibili. Per maggiori info cliccare QUI o scrivere a info@investire.biz.

> "In linea con l'Economista" torna giovedì 13 dicembre alle 18.00. Iscrizioni QUI 

 

 

5 - Commenti

Rossano Montori - 23 novembre 14:10 Rispondi

Sempre al top questi interventi di Giancarlo! ;)

Giancarlo Prisco - 24 novembre 11:41 Rispondi

GraZie caro :)

andrea bardelli - 23 novembre 22:04 Rispondi

Sottoscrivo al 100%

Segnalo due ulteriori aspetti:

1) l'inflazione ha toccato il massimo. Il crollo del petrolio comporterà discesa dell'inflazione 

2) l'oro fa di solito un minimo a dicembre. 

Giancarlo Prisco - 24 novembre 11:42 Rispondi

GraZie per aver compartito la tua view

Giuseppe Del Giudice - 24 novembre 23:16 Rispondi

Sempre analisi dettagliate e perfette