Aggiornamento analisi volumetrica EUROSTOXX50 - 15.11.2018

Ciao ragazzi,

come abbiamo sottolineato nel precedente aggiornamento ( clicca QUI per rileggerlo ), la rottura dei 3169 ha avuto come effetto una forte accelerazione ribassista verso i 3061, i quali non sono stati però mai toccati. 

Il prezzo oscilla tra un'importante resistenza intermedia, posta tra i 3235 e il supporto dei 3169. L'uscita da questa rango con forza e volume porterà direzionalità, specie se gli indici americani avvieranno un nuovo sell-off. 

Al di sotto dei 3169 l'obiettivo rimane 3061, con estesioni possibili fino a 2942. Al rialzo, attenderemo un ritorno del prezzo nei 3235, da dove cercare un nuovo allungo verso i 3273. Da qui punteremo ai 3350. 

Se il prezzo rimarrà chiuso nel range 3235-3169, possiamo utilizzare tali estremi per cercare ngressi reversal.

Il mercato è molto vicino a un nuovo crash, seguiamo con attenzione i livelli indicati. La cautela è d'obbligo.

Seguiranno aggiornamenti.

STAY TUNED!

-----

> Il nuovo corso scalping, con nuovi contenuti e tantissime novità, come l'indicatore Wolfvolume, è concluso, ma le registrazioni sono già disponibili. Per maggiori info cliccare QUI o scrivere a info@investire.biz.

> "In linea con l'Economista" torna giovedì 15 novembre alle 18.00. Iscrizioni QUI

 

5 - Commenti

andrea bardelli - 16 novembre 15:55 Rispondi

Ciao Giancarlo, leggo sempre con interesse i tuoi articoli perché sono convinto anche io che i volumi ci danno molte informazioni. Interpretarli poi è un altro discorso. 

Puoi essere più preciso sul perché di un nuovo crash?

Io ti anticipo la mia risposta che forse sarà diversa dalla tua: la liquidità si sta prosciugando (v. Rilevazioni mensili del Margin debt)

Giancarlo Prisco - 18 novembre 17:31 Rispondi

La liquidità senza ombra di dubbio ma le ragioni sono molteplici. Difficile che possa rispondere in un post proveremo successivamente:)

andrea bardelli - 19 novembre 10:27 Rispondi

Aggiungerei il probabile picco dei profitti, il rallentamento globale della crescita la trade war.

Nel 2019 aumenterà anche il deficit USA (effetti di contrazione della liquidità).

Poi, marginalmente Italia e UK.

Il drenaggio di liquidità però è  determinante e avrà secondo me effetti negativi crescenti nel 2019

A presto

Giancarlo Prisco - 19 novembre 12:05 Rispondi

Grazie per la tua condivisione a presto 

Giancarlo Prisco - 19 novembre 12:06 Rispondi

Grazie per la tua condivisione a presto