Kimura Trading

Il Dax ha le pile scariche ma...

Ciao a tutti,

spero che abbiate passato delle ottime vacanze natalizie in compagnia dei vostri cari.

Il 2017 sta volgendo al termine ed è utile prepararsi al meglio per il nuovo anno, cercando di comprendere, per quanto ci è possibile i corsi dei mercati finanziari.

A differenza degli indici americani, il Dax, l'indice di riferimento del mercato tedesco, sta iniziando a battere la fiacca.

Ci sono alcune aree interessanti che ho evidenziato in azzurro. 

Guardate i prezzi in alto e RSI in basso come pian piano si stanno appiattendo.

Qulai informzaioni ci fornisce questo grafico?

Innanzitutto il mercato è ciclico anche a livello di forze in gioco, questo significa che esistono fasi di forte escursione dei prezzi e fasi di calma (la maggior parte, tra l'altro).

L'idea è che dopo una fase come quella che stiamo vivendo, le quotazioni esploderanno con forza in una direzione o nell'altra. 

A quel punto si potranno impostare due tipi di operatività uno piu' aggressivo ed uno piu conservativo.

Quello piu' aggressivo ci farà operare con ordini in stop alle rottore dei supporti e delle resistenze (per intenderci short oltre 12940 e long oltre 13200). 

Altri attori piu' conservativi osserveranno le rotture ed individueranno le stesse come punti di ingresso quando il mercato andrà a testarle nuovamente. 

In generale mi sembra che il forte trend rialzista sul Dax si sia parecchio spento e che gli storni potrebbero essere molto vicini. 

La verità purtroppo è che questa è solo una mia opinione. Dovremo essere bravi cogliere i movimenti dei prezzi sia al rialzo che al ribasso e non farci distrarre da quello che pensiamo. Se vogliamo essere degli ottimi analisti dobbiamo osservare i prezzi ed agire di conseguenza a quello che vediamo sul grafico.

---------

Ti piacciono i grafici in figura?

Vorresti averli gratuitamente? 

Apri un conto trading da QUI con IG e ti spiegheremo come fare.

2 - Commenti

Gerardo Gioia

Gerardo Gioia - 27/12/2017 15:53 Rispondi

gianfranco aldeni

gianfranco aldeni - 29/12/2017 10:41 Rispondi