Trading con le bande di bollinger su Usd.Cad

L'attuale periodo di riunioni delle banche centrali non ha fornito grandissimi spunti sul fronte canadese. La Bank of Canada ha confermato i tassi all'1,75% e questi erano largamente attesi dal mercato. Ciò che invece interroga gli operatori è come sarà il comportamento della banca centrale nei mesi a venire.

Nelle ultime riunioni ufficiali il governatore Poloz ha usato toni molto morbidi in tema di politica monetaria, ribadendo che la crescita si è indebolita e quindi una BOC accomodante sarebbe più opportuna in questa fase storica. Inoltre non ha fatto a meno di sottolineare come le tensioni commerciali tra Usa e Cina possano rappresentare una minaccia effettiva per gli investimenti delle imprese.

In Canada il PIL annuale procede ad un ritmo dell'1,64%, ma per il 2020 e 2021 la BOC si aspetta una crescita del 2%, il tasso di disoccupazione è rimasto costante al 5,7% sebbene il numero di nuovi occupati ad Agosto è cresciuto ben al di là delle attese, 81.100 unità a fronte di aspettative di 18.900. L'inflazione viaggia pienamente sui target dichiarati del 2%. Quindi nel complesso nulla di preoccupante eppure la sensazione generale è che per sostenere la crescita la banca sia indirizzata più verso un ribasso dei tassi che verso un rialzo, almeno stando alle dichiarazioni del numero 1 della BOC.

Tutto questo verterebbe verso un indebolimento del dollaro canadese, quindi spingerebbe il cross usd.cad al rialzo. In verità non essendo la situazione del tutto chiara il mercato vorrebbe vederci meglio, anche perché le tensioni che arrivano dall'esterno non sono poche, non ultimo l'attacco ai pozzi petroliferi sauditi che ha creato non pochi problemi.

L'andamento, quindi, del prezzo del petrolio è molto importante essendo, il Canada, il sesto produttore mondiale di oro nero nonché uno dei principali partner degli Usa nel rifornimento del greggio. Giocoforza qualunque situazione di conflitto non può non avere ripercussioni nella valuta canadese, da determinare ovviamente l'entità e la forza di tale effetto.

Considerando tutte queste variabili, l'analisi tecnica ci dà qualche indicazione e, di conseguenza, qualche spunto di trading nel lungo periodo. Da circa tre anni il Usd.Cad segue un andamento laterale, come si può vedere dal grafico che rappresenta l'andamento mensile del cross. Un'idea di trading potrebbe essere quella di posizionarsi negli estremi delle bande di bollinger e agire in controtendenza, tenendo presente il supporto e la resistenza più immediati rispettivamente a 1,2265 e 1,38 circa e quelli successivi e ben più tosti a 1,2015 e 1,4113 il cui sfondamento potrebbe dare inizio ad un fase di trend di lungo termine.

Tale fase ovviamente sarebbe sospinta da un mutato quadro economico politico internazionale e/o da una decisa e sostenuta politica monetaria in una direzione o nell'altra. Tutto questo tenendo sempre in debita considerazione l'altra valuta che compone il cross, ossia il dollaro americano, che sarà influenzata da una moltitudine di fattori che vanno dalle importantissime decisioni di questi mesi di Powell in tema di tassi e dai risvolti commerciali che scaturiranno dalla diatriba sui dazi.

---

Apri un conto con kimuratrading.com, il broker utilizzato dai trader di investire.biz

---

0 - Commenti