Termometro EUR/CHF - 22.03.2019 - Analisi tecninca

In questo breve articolo voglio descrive un semplicissimo meccanismo utile ad ipotizzare l'andamento futuro di un corso valutario ed individuare possibili zone d'interesse.

Il 5 febbraio 2019 il tasso EUR/CHF registra il massimo assoluto dal 8 novembre 2018, punto A, registrando tale massimo al livello di 1,14442.
L’andamento del cambio si è mantenuto decrescente arrivando a scambiare sul livello minimo di 1,13080, punto B, il giorno 11 febbraio 2019 e ripetendo tale minimo il giorno 8 marzo 2019.

Calcolando la distanza tra il punto A ed il punto B, ovvero 0,01362, è possibile suppore che il tasso EUR/CHF continui la sua discesa verso il livello di 1,11718 [A – B => 1,14442 – 1,13080 = 0,01362; B-(A - B) = 1,11718].
Questo perché partendo da un massimo, A, ed un minimo, B, quando il tasso aggiorna nuovamente i minimi è possibile rivedere un movimento di pari intensità rispetto al movimento di riferimento; in questo caso la riproposizione di una differenza massimo-minimo pari alla distanza tra il punto A ed il punto B ma partendo dal punto C.

A mio avviso la tendenza del tasso in questione rimarrà ribassista; pesano molto le tensioni internazionali (scambi commerciali USA - Cina e Brexit su tutte).

---

Articolo a cura dell'ufficio studi di www.cambiavalute.ch

 

 

 

1 - Commento

Riccardo Zago

Riccardo Zago - 25 marzo 09:13 Rispondi