RITORNO AL "PASSATO"

...Fanta trading o che altro?
In questi giorni si è riparlato di Franco Svizzero e se si parla di CHF non si può ignorare il 15 gennaio 2015.

Il mercato però come si è comportato?  Andiamo per gradi.

USD/CHF settimanale.

grafico: è quello reale. Leggiamolo: si nota la risalita da 0.71 fino a sfiorare un'importante area di resistenza nel 2008. Segue un'ampia correzione che poi viene recuperata fino a quando a fine 2014 è riuscito a passare oltre la parità, arrivando a 1.02.
Poi il terremoto della Banca Nazionale Svizzera e il 15 gennaio 2015 crolla fino 0.83.
Ma ecco che giorno dopo giorno come una formichina ricostruisce tutto da capo e in soli due mesi ritorna sopra la parità. Poi di nuovo la correzione, il recupero e a fine novembre 2015 fa nuovi massimi in area 1.03 (il mercato spesso si ripete).

Ok, se si parla di CHF non si può ignorare il 15 gennaio 2015. Ma il mercato che ha fatto? Se ne è fregato (si fa per dire, ovviamente), ha incassato il colpo e ha recuperato rapidamente come se quell'avvenimento non devesse o non potesse esistere.
IDEA!: come sarebbe il grafico senza il terremoto Jordan? Ho delimitato le candele tra metà gennaio e metà marzo 2015 ( grafico), ho ingranato la retromarcia fino a superare le 88 miglia orarie e ho ricucito il grafico eliminando la "parte malata".

Ed ecco il grafico. E' virtuale, ma qualcosa mi dice che la tendenza rialzista di fondo rimane intatta e fin tanto che rimarrà sopra quella linea azzurra potrebbe fare nuovi massimi per poi avere spazio fino a 1.15/1.16 (con chiusure settimanali sotto tale trendline si dovrebbe cestinare il tutto e attendere nuove idee).

Correlazioni: se USDCHF sale, le borse scendono; se le borse scendono i cambi /USD salgono.
(Sta a vedere che il mercato vuole provare a ricucire anche l'1.2 di EURCHF...!)

Se i margini su EURCHF non sono invitanti potrebbero essere interessanti anche AUDCHF o NZDCHF che di solito sono più convenenti.

CIAO  ; )

1 - Commento

luigi di gennaro - 15/02/2016 10:28 Rispondi

spettacolo