Il Peso messicano di fronte ad un bivio

  • Il Peso messicano è una delle valute più performanti contro Euro del 2019;
  • Un'inflazione sotto controllo potrebbe permettere alla banca centrale di tagliare ancora i tassi giovedì;
  • UsdMxn trova in 18.90/19 una zona di supporto chiave.

Il continente americano a livello valutario sembra spaccato in due.

Nella zona centro settentrionale dell’America il Dollaro canadese, americano e il Peso messicano si classificano ai primi posti della classifica per performance 2019 contro Euro.

Completamente diverso l’andamento dell’America Latina la quale occupa una buona fetta degli ultimi posti delle performance 2019 del mondo Forex. Peso argentino, Peso cileno e Real brasiliano tra le valute peggiori year to date.

Ognuno di questi tre paesi sta attraversando problemi di natura politica oltre che economica. La rivolta del popolo cileno, il cambio della leadership politica in Argentina, il duro colpo che la trade war sta portando al Brasile, sono stati tutti motivi che hanno zavorrato pesantemente le valute del Latam finora.

Latam del quale fa parte, almeno secondo la geografia degli investimenti, il Messico che però si è mosso molto meglio regalando agli investitori di bond in valuta locale un ritorno di quasi il 15% in versione total return.

Gli ultimi dati di inflazione hanno mostrato un dato tutto sommato sotto controllo al 3% e questo rende confidenti i mercati circa un nuovo taglio nel costo del denaro di 25 punti base nel meeting di giovedì 14 novembre.
La struttura grafica di UsdMxn ha tutte le sembianze di essere una figura di continuazione di un trend bullish che trovò il suo apice nel 2016 dopo le elezioni di Trump che costrinse la banca centrale messicana ad alzare ripetutamente i tassi di fronte ad un Peso messicano che si sbriciolò fino a 23.

Il modo in cui il mercato negli ultimi tre mesi ha premiato il Peso deve naturalmente far riflettere prima di chiamare uno short Mxn solo perché stato toccato un supporto importante.

Il test di 18.90/19 rappresenta il banco di prova per il futuro della divisa messicana. Qui i minimi crescenti in essere dal 2017 convergono ed è ovvio che una reazione da parte di UsdMxn è lecita attendersela.

A 18.90 le due gambe ribassiste partite dal massimo di agosto si equivalgono in ampiezza e questo aumenta la significatività del supporto.

La teoria dell’analisi tecnica dice che figure come questa (a forma di cuneo) tendono ad esaurirsi attorno ai tre quarti di figura completata. Forse ora siamo leggermente più avanti rispetto a questo ideale target temporale ma i tempi sono maturi.

Altro elemento che deve far riflettere circa la capacità di UsdMxn di sfondare verso il basso è l’esposizione net long degli hedge fund sul mercato dei futures.

Rapportata all’open interest  questa esposizione net long rimane storicamente elevata e questo eccesso di sentiment positivo potrebbe rappresentare un freno alla forza del Mxn nelle prossime settimane.

---

Inizia la settimana con il piede giusto!

Iscriviti al webinar del lunedi da QUI

---

0 - Commenti