GBPUSD, manca un 4% ai livelli pre brexit

Come si vede dal grafico allegato, manca davvero un soffio al raggiungimento dei livelli "pre brexit" sul cambio GBPUSD, ovvero sterlina contro dollaro americano.

Dai minimi toccati ad ottobre 2016, il cambio è cresciuto di oltre il 20%, movimento che sembrava impossibile quando i prezzi segnavano minimi su minimi, gettando ombre sul futuro dell'Inghilterra.

In quel periodo avevo segnalato come, utilizzando la strategia per capire in quale valuta effettuare un investimento, spiegata nel mio l'ibro "L'arte di vincere in borsa", la sterlina rappresentava una opportunità di investimento davvero ghiotta, nel medio lungo termine...Come si vede dalla seconda immagine allegata, vediamo appunto come l'uscita dalle rette di regressione, abbia rappresentato un segnale inequivocabile.

Esistono valute che, in questo momento, sono in questa situazione cosi interessante?

Si, una è il franco svizzero, valuta sulla quale avevo fatto anche un articolo, che potete leggere QUI

 

0 - Commenti