GBPUSD in odor di inversione?

Buongiorno a tutti, 

mi chiamo Davide e sono nuovo nel mondo del trading, mi ci si sono avvicinato a settembre dell'anno scorso e da allora seguo questa piattaforma che mi sta molto aiutando nel mio percorso formativo da autodidatta.

 Questo è il mio primo articolo in assoluto e ho scelto di trattare GBPUSD sia per lo scenario interessante che per il fatto che questo cambio si è sempre comportato all'opposto di come pensavo fino ad adesso.

 Orbene partiamo!

Dal primo grafico settimanale si vede che la candela della Brexit ha fornito ai corsi la forza necessaria ad uscire da una lateraità iniziata alla fine del 2008, che aveva come base il livello di 1.38500, minimo storico psicologico che aveva toccato una sola altra volta nel 2001 dal quale era partito un importante movimento rialzista fino al massimo storico di 2,100.

Il Brexit's Breakout ha quindi portato il cambio ad aggiornare i minimi storici su 1.20 dal quale poi è partito un movimento al rialzo ben definito dal canale tracciato sul secondo grafico e, si, siamo di nuovo in zona 1.38500.

Facciamo quache considerzaione tecnica: la prima è che dopo la rottura di una lateralità si genera un movimento direzionale e tanto più è lunga e larga la lateralità tanto più la direzionalità sara importante. La seconda è che non è raro assistere ad un pullback per ritestare il supporto appena rotto.

 Ho disegnato in blu una zona d'inversione potenziale (PRZ) prendendo in considerazione tre resistenze: le prime due sono l'apertura e la chiusura del Gap down e i terzo è l'ormai famoso 1.38563 corrispondente all'ultimo minimo sfondato dalla candela Rocco.

Ma come si sta comportando il prezzo nella zona blu? Le candele non hanno generato nessuna conferma come pattern ne come direzionalità del prezzo sul terzo grafico stavolta giornaliero, anzi ha chiuso sopra dall PRZ ma con una evidente contrazione del range nell'ultima settimana con una chiusura in rosso. Da notare le divergenze col momentum e con l'ATR entrambi a 14 periodi. Consideriamo anche che questa zona è stata sfondata al ribasso con enorme forza e picco ATR. Non si può dire lo stesso di questo ultimo movimento al rialzo in quanto per tornare sopra la soglia psicologica mi aspetto almeno una uguale decisione.

 Tornando con l'ultimo grafico sul settimanale si nota un atro segnale interessante fornitoci dall ATR: si sta avvicinando ai suoi minimi presso i quali nel passato si sono poi sempre sviluppati delle decise inversioni di tendenza ( mi sono dimenticato di segnare quello del 2007 sul grafico).

Alla luce di questi segnali mi sento orso su questo cambio ma trovo complicato stabilire quale sara il prezzo obiettivo perchè ritengo che la sterlina sia stata punita a causa di una decisione politica e non da dati fondamentali negativi. Essi sono la conseguenza dell'incertezza sul futuro politico ed economico del Regno Unito insieme al crollo della moneta, che è stato dovuto dal sentiment del mercato dopo le notizie, e quindi da noi. Saremo sempre noi a decidere quando sarà il momento di rialzarla e ciò potrà avvenire quando ci sarà più chiarezza sul post-Brexit o quando la sterlina sarà così tanto svalutata che gli acquisti arriveranno a frotte.

Sicuramente è probabile un ritorno a 1.20 come obiettivo di medio e non ritengo impossibile l'arrivo alla parità col dollaro sul lungo termine. A quel punto la moneta sarà stra-svalutata sempre che non si sia distrutto nel frattempo sul serio il tessuto econimico della GB.

In ogni caso seguire le notizie sarà di fondamentale importanza perchè potranno cambiare i mercati nel giro di poco.

Bene grazie per l'attenzione, ho finito, fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate. E' molto importante per me sapere di aver fatto almeno un ragionamento logico o di non aver sbagliato qualcosa dell'anaisi e nell'uso dei indicatori visto il percorso formativo che ho iniziato.

Davide

 

 

0 - Commenti