EURUSD: Aggiorniamo i target dopo la rottura al ribasso

Guardando il grafico di EURUSD, la prima cosa che balza agli occhi è il SENTIMENT.

Poche ore fa i traders posizionati LONG era il 75% del totale, in seguito alla rottura del minimo che avevamo individuato nell'articolo precedente, la percentuale di traders che "scommettono" sul rialzo del prezzo è passata al 78% (guarda immagine).

Per capire quale è il nuovo target dell'EURUSD dobbiamo spostarci sul grafico settimanale, grafico dove riusciamo a vedere lo storico dei prezzi a partire da fine 2015. Da questo grafico vediamo come il prossimo supporto è posizionato nella fascia di prezzo che va da 1.0780 a 1.0720, ovvero tutta la fascia di prezzo che a cavallo tra il 2016 ed il 2017 ha creato una zona di accumulazione, dalla quale è incominciato il rialzo che ha portato i prezzi sul massimo di 1.25.

Tra le altre cose, il massimo di 1.2500, fu un livello dal quale avevamo segnalato diversi importanti investimenti in dollari, proprio perchè, grazie ad una tecnica che vedremo durante il "Corso Completo di Analisi Fondamentale" tale livello era palesemente conveniente per l'acquisto di Dollari americani.

Quando si tratta di scegliere le azioni giuste, abbiamo di fronte a noi decine di mercati diversi dove attingere, ed abbiamo la possibilità di scegliere delle azioni in una valuta che, con alte probabilità, si apprezzerà, cosi da avere un utile maggiorato dall'effetto cambio. Tutti piccoli trucchetti che aumentano le nostre performance di qualche punto percentuale all'anno...ma che negli anni fanno la differenza!

Maggiori info sul corso in programma QUI (al momento, il corso è scontato, approfittane)  

0 - Commenti