AudJpy, il primo big trade del 2020?

  • Faccio un classico esercizio di fine anno, capire quale potrebbe essere il trade del 2020;
  • AudJpy è uno dei miei candidati preferiti a patto che certe condizioni tecniche si realizzino;
  • Una salita di questo cross avrebbe implicazioni intermarket notevoli.

Lo considero un big trade per la prima parte del 2020 e grazie all’analisi tecnica, chi sta seguendo quelle indicazioni fornite settimanalmente su queste pagine può già pensare di ragionare sull’incremento di posizioni lunghe aperte nelle settimane scorse.

Sto parlando del long AudJpy, un cross fatto di Yen verso il quale nutro da un po' scetticismo e di Aud una valuta che invece guardo con positività sulla convinzione che un accordo tra Cina e Stati Uniti potrebbe scatenare un’ondata di ricoperture verso quelle divise che più hanno sofferto la trade war con un focus particolare verso quelle legate al ciclo delle materie prime.

Se proprio le commodity stanno dando in linea generale segnali di risveglio ecco che scommettere sul long AudJpy significa scommettere su una ripresa del ciclo congiunturale mondiale e perché no, anche su una risalita dei tassi a lunga scadenza.

Eccoci perciò arrivati al grafico di AudJpy.

Da dicembre 2018 AudJpy è guidato al ribasso da una trend line violata proprio giovedì scorso. Il tentativo è stato immediatamente stoppato da una selva di resistenze. Tra questa la neck line del potenziale testa e spalla rialzista che, in caso di successo, aprirebbe le porte ad un rafforzamento di almeno 500 pips.
Un trade di tutto rispetto che impone conferme ed adeguati livelli di stop.

La teoria classica dell’analisi tecnica dice che la proiezione della distanza esistente tra il vertice della testa e la linea del collo definisce l’obiettivo del futuro movimento. Sempre in caso di sfondamento verso l’alto di 75.5 quindi il target del movimento rialzista dovrebbe essere area 80/80.5, guarda caso il punto in cui si posiziona il massimo di aprile.

Siccome però l’esperienza mi ha insegnato a diffidare di figure tecniche molto pubblicizzate sui manuali, ma nella realtà non sempre così efficaci, mi piace abbinare a queste valutazioni altre analisi.

Una di queste è basata sulle proiezioni di Fibonacci. Guarda caso proprio sulla chiusura di venerdì troviamo il 38.2% di ritracciamento dell’intero ribasso partito a novembre 2018. Questo avvalora l’idea che questo livello tecnico, se rotto al rialzo, produrrà un’accelerazione importante.

Altro aspetto interessante. Il massimo intraday di venerdì a 76 si è fermato su tutti i massimi realizzati in primavera da AudJpy nel tentativo di frenare una caduta che sembrava senza sosta. Sopra questo livello non ci sarebbe praticamente nulla fino a 78. Altra conferma della valenza di questa resistenza.

Infine ho analizzato i due rapporti di cambio che determinano questo cross. UsdJpy sembra ben impostato al rialzo dopo il break delle resistenze di 109, mentre AudUsd ancora non ha sciolto le riserve. Siamo in piena zona media mobile a 200 giorni che nell’ultimo anno ha contenuto con efficacia ogni velleità dell’Aussie. Un superamento definitivo di 0.695 confermerebbe la view bullish su AudJpy  e quindi l’opportunità di entrare long.

Il massimo di venerdì scorso a 75.97 sembra un buon punto al di sopra del quale  tentare l’ingresso long con stop a 74.80

---

Vuoi imparare a fare trading?

Visita la nostra sezione CORSI e scegli quello che ti ispira di piu'!

---

0 - Commenti