Kimura Trading

UBS: ripresa nella seconda metà del 2020

  • Per UBS l’economia globale si riprenderà nella seconda metà del 2020
  • A dare una mano saranno anche le banche centrali con una serie di politiche accomodanti
  • Resta incerto, anche in vista delle prossime elezioni Usa, l'evolversi della guerra dei dazi

La ripresa economica non dovrebbe tardare ad arrivare, almeno secondo le previsioni degli analisti di UBS. In particolare nella seconda metà dell’anno.

Incognita dazi

La spada di Damocle rappresentata dalla guerra commerciale tra Usa e Cina continuerà ad essere un potenziale pericolo per le economie internazionali. Anche perché le ultime evoluzioni, al di là delle dichiarazioni più o meno bellicose, non presentano fatti concreti. Soprattutto riguardo alla chiusura di un potenziale accordo tra le parti. Il famoso step one, ovvero la firma su una prima parte di intesa già annunciata ad ottobre, stenta ad arrivare. Intanto si avvicina la data del 15 dicembre quando, teoricamente, dovrebbero scattare ulteriori dazi voluti da Washington su merci cinesi. C’è poi anche l’incognita elezioni.

Il destino di Trump

La controparte cinese, infatti, ha dichiarato di attendere nella prosecuzione dei colloqui. Infatti tra il possibile impeachment di Trump e la sua potenziale perdita delle elezioni, il destino politico dell’attuale inquilino della Casa Bianca è tutt’altro che certo. E il tycoon potrebbe quindi non essere il prossimo interlocutore di Pechino alla fine del 2020. Il che porterebbe ad un cambio delle politiche commerciali e, in ultima analisi, ad una ripresa degli scambi. Parallelamente dovrebbe dare una mano anche l’azione delle banche centrali con le politiche di stimolo monetario. Politiche che si stanno intravedendo già da diversi mesi.

Le speranze di UBS

Nel breve termine, invece, le speranze di UBS sono quelle di una possibile cancellazione da parte Usa della nuova tranche di dazi prevista per il 15 dicembre. Entrambe le potenze hanno innegabilmente bisogno di un accordo come nuova linfa vitale per le rispettive economie, in fase di rallentamento.

0 - Commenti