Economia - Politica - Diritto

/ / / Referendum Costituzionale: Ecco perchè vincerà il SI

Referendum Costituzionale: Ecco perchè vincerà il SI

Referendum Costituzionale: Ecco perchè vincerà il SI

Negli ultimi 3 anni ho seguito, in giro per l' europa, i piu' importanti referendum, andando direttamente sul posto... informandomi, parlando con le persone.

Partendo dal presupposto che sono interessato all' esito del referendum solo per motivi speculativi, secondo me, il prossimo 4 Dicembre, vincerà il SI... ecco perchè.

1) Mi sembra di essere tornato in Scozia! Dove il popolo era chiamato a scegliere se rimanere uniti all' Inghilterra, oppure diventare autonomi... il fronte che sostenava il NO (quindi a favore dell' indipendenza) era "chiassoso" e costantemente presente in piazza... l' esatto opposto dei sostenitori del SI che, rinchiusi nelle loro case, si sono poi rivelati essere molti di piu' del previsto. La situazione mi sembra molto simile in Italia, oggi.

2) Per come è scritta la scheda elettorale, è davvero difficile, una volta nelle urne, votare NO! Perchè? Perchè sulla scheda c'è scritto: 

«Approvate il testo della legge costituzionale concernente “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?»

Secondo me sono tantissime le persone, in particolare gli anziani, che voteranno mossi dalla volontà di abbassare il numero di politici... e tutti questi anziani non hanno un account FB da cui urlare il loro malcontento.

Volete informarvi per bene? Capire se votare si o no?

Abbiamo organizzato un webinar dove, in maniera imparziale, analizzeremo le due possibilità.

Iscriviti, gratuitamente QUI

 

Luca Discacciati

Luca Discacciati


Trader ed Investitore professionista, autore del libro "L' arte di Vincere in Borsa", responsabile del servizio "Investire in Azioni"

38 - Commenti

  • Marco Costanza 28 novembre 11:37 Rispondi
    • Roberto Capaccioli 28 novembre 12:29
    • Emiliano Bonatti 28 novembre 13:01
    • Guido Avolio 30 novembre 14:57
  • Christian Rossi 28 novembre 12:16 Rispondi
    • Roberto Capaccioli 28 novembre 12:33
  • Roberto Capaccioli 28 novembre 12:22 Rispondi
    • Jonathan Longo 28 novembre 13:25
    • Jonathan Longo 28 novembre 13:35
  • Matteo F 28 novembre 12:47 Rispondi
  • Riccardo Zago 28 novembre 12:49 Rispondi
  • Adriano ENRICO 28 novembre 12:53 Rispondi
  • carly g 28 novembre 15:36 Rispondi
  • Adriano ENRICO 28 novembre 16:15 Rispondi
    • Riccardo Zago 28 novembre 16:38
    • carly g 28 novembre 17:57
    • carly g 28 novembre 18:25
  • Marco Salerno 28 novembre 17:23 Rispondi
  • Paolo Becks 28 novembre 17:37 Rispondi
    • Marco Salerno 28 novembre 17:57
  • luciano cagnetta 28 novembre 17:56 Rispondi
    • Marco Salerno 28 novembre 17:58
    • Jonathan Longo 28 novembre 18:03
  • Roberto Capaccioli 28 novembre 21:15 Rispondi
    • Jonathan Longo 29 novembre 00:50
  • Paolo Becks 29 novembre 00:04 Rispondi
  • Alessandro Di Pietro 29 novembre 08:44 Rispondi
  • Gino Rosa 29 novembre 17:11 Rispondi
  • Marco Salerno 29 novembre 19:46 Rispondi
  • gianfranco aldeni 29 novembre 19:57 Rispondi
    • Jonathan Longo 30 novembre 15:55
  • nicola piasentin 30 novembre 15:27 Rispondi
  • luciano cagnetta 30 novembre 17:09 Rispondi
  • Jonathan Longo 30 novembre 17:35 Rispondi
  • luciano cagnetta 30 novembre 17:57 Rispondi
  • Jonathan Longo 30 novembre 18:20 Rispondi
  • luciano cagnetta 30 novembre 20:36 Rispondi
  • nicola piasentin 05 dicembre 00:34 Rispondi