Paulsen: rally Usa anche nel 2020

  • Per l’analista Jim Paulsen il rally del mercato statunitense arriverà al 2020
  • Secondo le sue previsioni l’S&é 500 potrebbe registrare un altro +15% l’anno prossimo
  • La strategia d'investimento consigliata, però, è quella di un internalizzazione del portafoglio

I mercati Usa hanno registrato un altro rialzo nella seduta di ieri nonostante le notizie di un possibile impeachment per il presidente Usa Donald Trump. Paure che, però, non hanno contagiato gli analisti di Wall Street.

Il Senato salverà Trump

Attualmente, infatti, c’è un’ampia consapevolezza del fatto che la votazione al Senato salverà l’inquilino della Casa BIanca dal pericolo di messa in stato d’accusa. Per questo motivo gli operatori, ampiamente rassicurati, hanno puntato ancora sul mercato azionario. Risultato: S&P 500 chiude a 0,45%, il Dow a 0,49% e il Nasdaq a 0,67%. In realtà il fattore politico non è altro che un elemento il quale, allo stato dei fatti, non intacca sull’economia. A differenza, invece, della questione dazi. 

La guerra commerciale

Infatti la guerra tariffaria, che sia con la Cina o con l’Ue, ha avuto conseguenze dirette sugli utili aziendali. Il che dimostra che la rimozione o meno di Trump è un fatto relativamente marginale per chi opera sui mercati, soprattutto sul lungo periodo. Saranno infatti più le evoluzioni della questione commerciale e non le questioni politiche a tenere banco tra gli interessi degli investitori per il prossimo 2020.

I prossimi protagonisti sui mercati del 2020?

Secondo Paulsen i prossimi protagonisti sulle borse del 2020 saranno i mercati emergenti. Snobbati negli ultimi anni, sono poco presenti nei portafogli degli investitori. Da sempre rialzista, il bull di Wall Street ha visto confermato il suo ottimismo. Da inizio anno l’ S & P 500 è aumentato del 27% il Dow del 21% e il Nasdaq addirittura del 33%. Un rally che continuerà anche nel 2020 sebbene agli occhi degli investitori si presentino occasioni più allettanti. La prima è, come detto, quella dei mercati emergenti purchè, però, si adatti il proprio portafoglio investimenti verso una strategia internazionale. Ad ogni modo per chi volesse investire in azioni statunitensi, il consiglio di Paulsen è quello di puntare su small cap, tecnologici, e alcuni settori industriali.

0 - Commenti