Midterms americani: probabili reazione del mercato

Domani, 6 novembre, gli Stati Uniti voteranno nelle ‘midterms’ che rappresentano una pietra miliare molto importante per la definizione delle politiche nei due anni a venire per il presidente in carica.

C'è molto in gioco nelle elezioni di quest'anno - le questioni includono il commercio, la spesa e le tasse del governo, l'immigrazione, la politica economica e la regolamentazione, e alcune delle posizioni del presidente.

Oggi forniamo una breve panoramica di queste elezioni e quali sono i probabili effetti dei risultati sul mercato azionario.

Cosa sono i Midterms negli Stati Uniti?

Tenuti a metà di una presidenza ogni quattro anni, i membri del Congresso, il ramo legislativo del governo degli Stati Uniti, devono affrontare la rielezione. Il Congresso è diviso in due rami: la Camera dei Rappresentanti e il Senato.

Tutti i 435 membri della Camera dei rappresentanti sono eletti alle elezioni ogni due anni, con 35 dei 100 seggi del Senato in carica. I membri del Senato hanno termini scaglionati di sei anni.


Chi controlla il Congresso al momento?

I repubblicani, il partito del presidente, controllano sia la Camera che il Senato.

Sono in possesso di 240 seggi alla Camera contro 195 per i Democratici, con 218 necessari per la maggioranza. I democratici devono capovolgere 23 seggi per riprendersi la Camera.

In Senato i repubblicani detengono 51 seggi contro i 49 per i democratici. Sono necessari cinquantuno seggi per il controllo del Senato. Per riprendere il Senato, i democratici devono difendere i loro 26 seggi esistenti e vincere due extra dai repubblicani.

Perché i midterms sono importanti?

Le elezioni decideranno se i repubblicani resteranno in controllo del Congresso e quindi del processo legislativo. Alcuni dei principali programmi e promesse elettorali del Presidente Trump, come l'abrogazione di Obamacare, potrebbero essere rianimati se i repubblicani detengono il controllo. Perdere il controllo del Congresso rende più difficile passare le leggi in legge.

Solo due volte dal 1966 il partito al governo ha preso posto:
1998 - Il tentativo del partito repubblicano di mettere sotto accusa il presidente Clinton ha galvanizzato il sostegno al popolare presidente democratico.
2002 - Il paese si è radunato dietro al suo presidente dopo gli attacchi dell'11 settembre.

Cosa mostrano i sondaggi?

Uno studio del Wells Fargo Investment Institute ha mostrato che il vantaggio democratico nel voto del Congresso generico è inasprito da un anno (vedi grafico n. 1 sotto).

Al momento, gli studi dell'istituto dimostrano che la probabilità che i repubblicani mantengano il controllo della Camera e del Senato è del 30%, mentre la probabilità che i democratici riprendano il controllo sia della Camera che del Senato è inferiore al 20%. Il risultato più probabile (al 50%) è che avremo un congresso diviso in Camera (per i democratici) e il Senato (per i repubblicani).


Il caso peggiore per i mercati

Se i democratici riprendono sia la Camera che il Senato, anche se non è molto probabile, potremmo avere un rallentamento nel mercato rialzista. Il mercato Statunitense ha ricevuto un notevole impulso dal piano fiscale del Presidente Trump e se i Democratici controllassero entrambe le camere potrebbero annullarlo. In tale risultato prevarrà l'incertezza e ai mercati non piace l'incertezza.

Come ha reagito il mercato in passato?


Il grafico 2 in basso mostra gli effetti sull'indice S & P500 prima e dopo le elezioni  midterms passate. Storicamente, prima delle elezioni il mercato azionario e sceso. Una volta che questa incertezza è stata rimossa dopo le elezioni, l'indice S & P 500 ha avuto storicamente un buon andamento.

Non importa quale partito ha vinto in queste elezioni, la rimozione dell'incertezza e dell'attenzione dei media consente ai mercati di riprendere a concentrarsi sui fondamentali.

Qual è la linea di fondo per gli investitori?

Mentre le elezioni midterms nel corso degli anni hanno mostrato tendenze positive, è importante ricordare che ogni anno è diverso e segue la propria strada. Le elezioni midterms - e la politica nel suo insieme - generano molto rumore e incertezza. Ma la realtà è che i rendimenti azionari a lungo termine sono generati dal rendimento delle singole società nel tempo. Le elezioni possono causare picchi di volatilità a breve termine; la chiave è mantenere un focus a lungo termine.

 

---

Voi sapere di piu su come investire nel lungo termine? Acquista il nostro nuovo report di ricerca cliccano qui!

0 - Commenti