L'importanza di mantenere gli investimenti

Quando i mercati scendono pesantemente, gli investitori sono molto tentati di svendere per proteggere i loro guadagni o peggio ancora per fermare le perdite accumulate.

Anche se questo potrebbe essere giustificato in alcuni scenari, c'è da dire che i migliori rendimenti si ottengono mantenendo gli investimenti nel lungo termine. I mercati fluttuano nel tempo e quindi potrebbe essere molto allettante comprare e vendere continuamente per inseguire guadagni a breve termine. Questa strategia però raramente aiuta a raggiungere gli obiettivi  a lungo termine.

Il grafico qui sopra mostra i guadagni dei mercati da gennaio 2007 fino a gennaio 2018.

Come si può vedere, se avessimo mantenuto l'investimento durante tutto il periodo, (linea blu chiara) compreso quello della recessione del 2008, l'investimento sarebbe aumentato del 138%.

D'altra parte, se fossimo stati controllati dalle nostre emozioni ed avessimo venduto quando il mercato stava calando e riacquistato una volta avuta la conferma rialzista (linea blu scuro), il nostro portafoglio sarebbe aumentato solo del 55% rispetto ai 138 punti percentuali menzionati in precedenza (88% in meno).

Se invece fossimo usciti dal mercato (linea verde) dopo il crollo del 2008 senza mai rientrare, avremmo naturalmente eroso il nostro capitale in quanto non abbiamo mai permesso al mercato di ricapitolare le perdite, e avremmo anche sofferto l'erosione a causa dell'inflazione.

----


Vorreste capire di più sull'importanza della diversificazione e su come possiamo usare sia fondi comuni che ETF per raggiungere i nostri obiettivi a lungo termine? Registrati al nostro webinar gratuito che si terrà il 21 Novembre!

----

2 - Commenti

pietro vecchi - 14 novembre 12:34 Rispondi

bellissimo articolo, prendo spunto e "copio" condividendo.

Christian Buhagiar - 14 novembre 13:47 Rispondi

Grazie!! fai pure!