Il fondo pensioni norvegese vuole uscire dall' Oil&Gas

Il fondo pensioni governativo norvegese, anche conosciuto con il nome di Oil Fund, è stato istituito nel 1990 al fine di investire il surplus ottenuto dall'industria del petrolio. Ha oltre 1 miliardo di dollari in asset, tra cui l'1.3% delle azioni del mondo, cosa che lo rende il piu' grande fondo statale al mondo.

Nelle scorse ore il governatore della banca centrale norvegese ha proposto di liquidare gli investimenti del fondo in azioni del settore petrolifero e del gas, come per esempio Exxon Mobil Corp. and Royal Dutch Shell Plc, al fine di diminuire il rischio legato al prezzo del greggio.

La proposta sarà valutata dal ministro dell'economia che, probabilmente, si consiglierà con l'intero parlamento.

Se da un lato questa mossa viene intesa come una semplice diversificazione del rischio, sono in molti a vedere, in questa mossa, una mancanza di fiducia nel settore, proprio da parte di uno stato che trae enormi benefici da questa materia prima cosi preziosa.

Questa notizia non puo' che farci fare un collegamento conquanto sta succedendo in Arabia Saudita, dove 40 tra ministri e ricchi imprenditori, sono stati arrestati, ufficilamente per corruzione, ufficiosamente perchè oppositori del progetto "Vision 2030" del principe Mohammed bin Salman, che prevede un distacco della nazione dall'economia incentrata sul petrolio, verso le rinnovabili.

Che i grandi produttori sappiamo qualcosa sul futuro del petrolio che noi non sappiamo, e che si stiano preparando ad un nuovo scenario?

3 - Commenti

massimo bonetti

massimo bonetti - 17/11/2017 12:58 Rispondi

vittoria vasylenko

vittoria vasylenko - 17/11/2017 13:21 Rispondi

Marco Cattaneo

Marco Cattaneo - 17/11/2017 19:12 Rispondi