Fed: stasera la decisione sui tassi, ecco le attese degli analisti | Investire.biz

Fed: stasera la decisione sui tassi, ecco le attese degli analisti

02 nov 2022 - 07:00

Massima attenzione questa sera per il termine della riunione della Fed, dove usciranno le decisioni sui tassi d'interesse. Gli analisti non si aspettano grandi sorprese

Questa sera tutti gli occhi saranno puntati sulla Federal Reserve, che conclude i due giorni dell'incontro periodico in merito alle decisioni di politica monetaria. Con ogni probabilità la Banca Centrale americana aumenterà i tassi d'interesse dello 0,75% per la quarta volta consecutiva e le speranze degli investitori sono che questa sia l'ultima stretta di tale portata. Qualche nota positiva è arrivata ultimamente da parte di alcuni funzionari della Fed, che hanno espresso il loro desiderio di iniziare a ridurre le dimensioni dei rialzi a partire da dicembre e di interrompere le restrizioni già dall'inizio del prossimo anno.
 
Tuttavia, la realizzazione di tale proposito dipenderà quasi esclusivamente dal comportamento dell'inflazione. L'ultima rilevazione da parte del Bureau of Labour Statistics con riferimento al mese di settembre ha riportato un indice dei prezzi al consumo annuale ancora dell'8,2%, lievemente sceso dall'8,3% rispetto al mese precedente, ma a un ritmo più lento in confronto all'8,1% stimato dal mercato. Questo significa che l'inflazione fatica a raffreddarsi e su questo Jerome Powell è stato molto chiaro: l'intensità degli aumenti del costo del denaro sarà ridotta solo quando l'inflazione si avvierà decisamente verso l'obiettivo del 2% dell'istituto centrale.
 

Fed: le previsioni degli analisti

Quindi, poche speranze perché la Fed allenti la sua politica monetaria? L'altra variabile presa in considerazione è l'arrivo di una recessione. Quanto sarà pesante per gli Stati Uniti? Alcuni funzionari della Banca e diversi economisti hanno avvertito di un rischio elevato che il pugno duro dell'Autorità monetaria finisca per produrre un rallentamento estremamente brusco nell'economia.
 
Luca Colantuoni, capo economista presso KPMG, ha detto che in questa riunione il FOMC dovrà calibrare le decisioni. "Stai cercando di raffreddare un'economia, non di gettarla in congelamento", ha affermato. "Hanno bisogno di rallentare il ritmo. Teniamo a mente, 50 punti base sono veloci; 75 punti base sono davvero veloci", ha aggiunto.
 
Alcuni analisti, tuttavia, ritengono che sarà molto difficile che il ritmo dei rialzi venga rallentato a dicembre, in quanto a loro avviso l'inflazione continuerà a essere più calda del previsto. Quest'anno i funzionari della Fed si aspettavano una discesa dei prezzi, ma in realtà tutto questo non è accaduto. Nella riunione di settembre, la Banca Centrale aveva previsto tassi ad almeno il 4,6% entro l'inizio del prossimo anno, ma "se l'inflazione continua a essere più alta del previsto, ha senso arrivare a quel tasso anche prima", ha sostenuto Matteo Luzzetti, capo economista USA presso Deutsche Bank.
 
A favore delle stime di una stretta di 75 punti base oggi e a dicembre vi sono gli analisti di Deutsche Bank, UBS, Credit Suisse e Nomura. Mentre tra coloro che si aspettano una riduzione dell'aumento a 0,5 punti percentuali il prossimo mese figurano gli esperti di Bank of America, Goldman Sachs, Morgan Stanley ed Evercore ISI.
 
Particolarmente pessimisti sono gli strateghi di FHN Financial, che pronosticano tassi fino al 6% entro il prossimo giugno, anche senza che la Fed attui un altro aumento dello 0,75%. "L'ovvio dilemma per i mercati finanziari è che molte cose possono essere vere simultaneamente, e molte di esse vanno in direzioni diverse. La Fed potrebbe rallentare a dicembre, ma poi arrivare ancora al 6%", ha scritto in una nota ai clienti Jim Vogel di FHN Financial.
 
 
 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti