Considerazioni sul post-show di Draghi

Premetto che sono alle prime armi col trading e che sono un appassionato inesperto di macroeconomia. Vorrei fare una considerazione sulla giornata di oggi:

I tassi di policy sono stati portati da 0.05% allo 0% esatto. Si è deciso, quindi, di continuare una politica monetaria espansionistica. Di conseguenza l'Euro si è deprezzato andando a favore del conto con l'estero e delle imprese, le quali potranno vendere di più. E' avvenuto, quindi, un rialzo degli indici.

Ciò che è successo qualche ora dopo è stato l'esatto contrario: l'Euro si è riapprezzato superando il massimo precedente e gli indici sono crollati andando sotto il minimo precedente.

Quel che mi chiedo è:

è vero che l'aumento del QE porterebbe le banche a disporre di più credito, anche se dall'altra parte si tratta di moneta vuota che alimenta la bolla speculativa,

è vero che il ribasso dei tassi potrebbe avere degli effetti positivi sulle aspettative di inflazione e che ciò stimolerebbe i consumi e gli investimenti,

ma se l'idea di Draghi è stata di abbassare i tassi per avere un impatto positivo sulle aziende ed è avvenuto l'esatto contrario, ora ci ritroviamo in una situazione peggiore ed abbiamo sprecato un ulteriore ribasso dei tassi!? Praticamente, l'intervento di Draghi sui tassi è stato non solo inutile ma anche dannoso?

PS: alla fine oggi mi sono cimentato nel trading con ottimi risultati. E' stata una delle esperienze più adrenaliniche ed entusiasmanti della mia vita. Come dice Luca: "Meglio di una s******!" =D

Vi ringrazio ancora per i consigli di ieri. 

VIVA IL TRADING

9 - Commenti

Alessio Cemulini - 10/03/2016 21:16 Rispondi

la questione non è cosa fa la banca centrale ma come viene interpretata la notizia dai mercati è vero che tagliando i tassi si esporta di più e quindi valuta debole e borse verso SU ma è anche vero che se si attuano certi "bazooka" vuol dire che l'economia ed inflazione fanno schifo e quindi borse GIU. Visto che si tratta di questioni di medio lungo in questo giro hanno vinto i pessimisti. 

luigi di gennaro - 10/03/2016 21:30 Rispondi

queste considerazioni sono valide se si ritiene che gli effetti di una decisione da parte di una banca centrale si possano misurare nei minuti prossimi alla conferenza stampa e non nei mesi a venire...

nello merenda - 11/03/2016 04:55 Rispondi

ok per gli indici...ma l'euro?perchè si è apprezzato,non me ne faccio una ragione

andrea tibaldo - 11/03/2016 06:41 Rispondi

Luigi, i mesi a venire sono già venuti....i mesi a venire, sono adesso. Ed il livello di inflazione è sempre lo stesso. La sola differenza è che le sofferenze delle banche, le principali azioniste della BCE, si sono rimpinguate di soldi freschi per i loro bilanci e parte, che, a mio parere, stanno confluendo, ormai da un pò, sull'oro. A marzo 2017 non ci sarà stato alcun miglioramento se non solo ed esclusivamente per le banche. Faremo compagnia al Giappone che è ormai dagli anni novanta che cerca di creare inflazione, senza esito. Ma non abbiamo imparato un emerita fava??? vedi il mio articolo NCSPPN-parte 2. forse non sarà la soluzione migliore ma di certo Draghi & Co stanno facendo il lavoro "sporco" per chi li paga.

luigi di gennaro - 11/03/2016 14:15 Rispondi

forse non mi sono espresso correttamente (eppure penso di utilizzare un lessico non aulico ma accessibile)

l'autore dell'articolo vuole comprendere gli effetti della decisione di draghi dalla reazione visibile sui grafici H1 di eur/usd e degli indici: approccio errato
quella reazione è solo frutto della natura nervosa dei mercati finanziari che spinge gli operatori mondiali a comprare e vendere sulla notiziain quanto notizia, ma non sulla decisione storica
gli effetti della decisione di modifica dei tassi e qe2 (forse 3) si avranno a lungo termine

per fare un esempio non finanziario
l'attacco alle torri gemelle hanno generato nell'immediato un sentimento di tristezza e rabbia
nel lungo termine invece ha cambiato il mondo

ecco, la tristezza è rappresentata dal candelone rosso 15m, la rabbia dal candelone verde 15m, mentre il mondo che cambia può essere l'eurostoxx a 4.000 l'anno prossimo invece di trovarcelo a 2.000

Emanuele Patriarca - 11/03/2016 11:07 Rispondi

Comunque sta di fatto che il T&S rialzista sembra essere completo... quindi un long sarebbe da tentare...

Valerio Zambelli - 12/03/2016 10:18 Rispondi

molto ambizioso, se cosi dovesse essere si va in area 22000 addirittura.

Emanuele Patriarca - 12/03/2016 16:33 Rispondi

Staremo a vedere...

Mo McJeaney - 11/03/2016 11:51 Rispondi

D'accordo con Andrea (permettimi di darti del tu anche se non ci conosciamo ma sono quasi 20 anni che faccio trading e capirai che non sono un ragazzino ;) ), al solito gli unici interessi che vengono tutelati sono quelli degli azionisti della BCE ;)