Colto di sorpresa? Motivi delle vendite nei mercati

Questa settimana è stata una delle peggiori di quest'anno e molti ne sono rimasti sorpresi dal momento che non cera alcuna ragione apparente o notizia che abbia provocato questa svendita.

In realtà, però, l'ambiente degli investimenti si è lentamente spostato negli ultimi mesi e questo ha aumentato la volatilità.

Di seguito sono riportati un paio di motivi che vengono attribuiti al bagno di sangue di questa settimana:

1) Valori elevati dei mercati

L' S & P500 è cresciuto di oltre il 30% rispetto a gennaio 2016. Si tratta di un enorme salto in diciotto mesi. Storicamente, il mercato azionario ha guadagnato l'8%, mediamente, in un anno. Gli investitori stavano cominciando a guardarsi intorno e si chiedevano se le azioni dovevaqno rimanere davvero a livelli così alti.

2) Tassi di interesse in aumento

La Federal Reserve ha il duplice mandato di mantenere la piena occupazione e tenere sotto controllo l'inflazione. I più bassi livelli di disoccupazione tendono a far salire l'inflazione. Livelli più elevati di tassi di interesse riducono l'occupazione (o rallentano la sua crescita). L'economia statunitense è attualmente ritenuta al pieno impiego, lasciando molti a credere che l'inflazione aumenti, così la Federal Reserve sta alzando i tassi di interesse per combattere tali pressioni.

Inoltre, dopo quasi 8 anni di espansione con tassi bassi, la FED ritiene necessario iniziare ad aumentare i tassi per prevenire il surriscaldamento dell'economia.

Tutto questo è fondamentalmente parte del ciclo economico e, prima o poi, doveva succedere.

Ovviamente, aumentando i tassi, le multinazionali statunitensi ne risentiranno perché avranno un costo di prestito più elevato, il che a sua volta influirà sui loro profitti. D'altra parte, i risparmiatori inizieranno a depositare più denaro nelle banche o in obbligazioni di qualità superiore che pagano un tasso d'interesse migliore di quello che facevano prima. Questo è noto come la grande rotazione nei mercati in cui gli investitori iniziano a passare da titoli azionari a obbligazioni mentre il loro appetito per un rischio più elevato / maggiore rendimento dalle azioni diminuisce a favore di un rischio inferiore e un interesse "non più basso" generato da investimenti più sicuri.

3) Guerra commerciale

La guerra commerciale tra le due maggiori economie del mondo sta iniziando a influenzare il sentimento degli investitori. Recentemente il Fondo monetario internazionale (IMF) ha tagliato le sue previsioni di crescita per il 2019 per Stati Uniti e Cina e questo ha creato maggiore incertezza.
Sebbene gli Stati Uniti ricevano una spinta dai tagli delle tasse, questo non è sostenibile e il IMF prevede che la crescita dell'economia rallenterà al 2,5% dal 2,9% quest'anno. La Cina dovrebbe ora scendere al 6,2%, dal 6,6% quest'anno.

4) Gli azioni del settore TECH sotto assedio

Questo è rilevante per entrambi i punti 1 e 3 in quanto questo settore è stato quello che è stato battuto di più.

Diversi amministratori delegati di grandi multinazionali, tra cui Apple e Microsoft, hanno avvertito il presidente Trump che la guerra commerciale con la Cina avrà un enorme impatto sulla salute della loro azienda. Questo può essere attribuito al fatto che queste imprese usano la Cina come parte della loro catena di produzione. In aggiunta a questo, abbiamo anche assistito a un massiccio rally negli ultimi anni in questo settore, rendendolo quindi il più vulnerabile quando le cose vanno male.

Anche se questa settimana è stata davvero brutta per gli investitori, siamo ancora lontani da un mercato cosi detto orso.

Scoprilo in questo articolo qui

5 - Commenti

giacomo semperboni

giacomo semperboni - 12/10/2018 13:47 Rispondi

Christian Buhagiar

Christian Buhagiar - 12/10/2018 15:04 Rispondi

Stefano Bifolco

Stefano Bifolco - 12/10/2018 16:50 Rispondi

andrea tibaldo

andrea tibaldo - 12/10/2018 15:00 Rispondi

andrea bardelli

andrea bardelli - 15/10/2018 14:09 Rispondi