Un certificato che può farci guadagnare molto, in poco tempo

Il Certificato di cui parliamo oggi è un Cash Collect autocallable emesso da Unicredit con sottostante FCA.

Ne parliamo perché se FCA alla chiusura delle contrattazioni del 19 settembre prossimo si troverà ad un livello pari o superiore a 12,6548 €, cioè se guadagnerà circa l’1% in una settimana, il certificato sarà rimborsato a 102,70 €, compresa la cedola trimestrale.

Poiché il prezzo si colloca intorno ai 100 €, il profitto che se ne ricaverebbe sarebbe pari al 2,70%, il 140% se rapportato ad anno.

Caratteristiche:
ISIN: DE000HV42LV1
Emittente: Unicredit
Sottostante FCA
Scadenza: 17/12/2020
Strike: 12,6548
Barriera discreta: 9,4911 (75%)
Cedole: 2,70% trimestrale non a memoria


Cosa accadrà se la prossima settimana non si verificherà il rimborso?

Riceveremo, molto probabilmente,  la cedola del 2,70% ed il certificato proseguirà la sua vita fino alle prossime date di rilevazione trimestrali, in occasione delle quali si riproporrà la stessa situazione: o il certificato verrà rimborsato, e noi incasseremo il nominale più la cedola, oppure il certificato proseguirà e – se il prezzo del sottostante si troverà sopra la barriera- incasseremo la cedola.

Se alla scadenza naturale del 17/12/2020 non sarà stato rimborsato, lo scenario sarà il seguente:

1) Se il prezzo del sottostante sarà superiore al livello barriera, incasseremo € 102,70;
2) Se, invece, si troverà al di sotto, riceveremo un rimborso parametrato sulla performance negativa del sottostante rispetto allo strike.

Naturalmente, trattandosi di strumento finanziario quotato, nella fattispecie sul Sedex, possiamo venderlo quando lo riteniamo opportuno.

2 - Commenti

Enrico Lanati

Enrico Lanati - 13 settembre 11:35 Rispondi

Enzo Testa

Enzo Testa - 13 settembre 17:59 Rispondi