Fixed Cash Collect: Cosa sono e come funzionano

Goldman Sachs, una delle piu' importanti banche d'affari al mondo, lancia dei nuovi Certificati Fixed Cash Collect su azioni italiane.

Cosa sono e come funzionano i Fixed Cash Collect?

Si tratta di prodotti strutturati ad elevata complessità facenti parte della famiglia dei certificati a capitale condizionatamente protetto.

Rispetto ai classici cash collect, si differenziano perchè il premio è incondizionato all'andamento del sottostante.

Questo significa che comprando questi prodotti, l'investitore avrà diritto al premio anche se il sottostante dovesse perdere piu' del livello di barriera prestabilito. Il rimborso invece è condizionato alla barriere. Se il sottostante alla data di rilevazione finale fosse sopra il livello di barriera l'investiore riceverebbe 100 Euro a certificato. Si ricorda che la barriera è discreta e non continua.

Certificati e sottostanti disponibili (Vedi figura sotto):

Codice ISIN           Sottostante                 Premio mensile     Strike price       Livello barriera

GB00BFTKV133  Azimut Holding S.p.A       0,55% (6,60% p.a.)  EUR 17,965      75% (EUR 13,47375)
GB00BFTKV240  Banco BPM S.p.A            0,80% (9,60% p.a.)  EUR 3,0275      75% (EUR 2,270625)
GB00BFTKV356  Enel S.p.A.                       0,35% (4,20% p.a.)  EUR 4,85          75% (EUR 3,6375)
GB00BFTKV463  Eni S.p.A.                         0,25% (3,00% p.a.)  EUR 13,938      75% (EUR 10,4535)
GB00BFTKV570  Fiat Chrysler Auto.N.V.    0,65% (7,80% p.a.)  EUR 16,856       75% (EUR 12,642)
GB00BFTKV687  Ferrari N.V.                      0,35% (4,20% p.a.)   EUR 98,22        75% (EUR 73,665)
GB00BFTKV794  Intesa Sanpaolo S.p.A.    0,40% (4,80% p.a.)  EUR 3,04           75% (EUR 2,28)
GB00BFTKV802  Saipem S.p.A.                 0,70% (8,40% p.a.)   EUR 3,26          75% (EUR 2,445)

In particolare questi certificati prevedono il pagamento di un premio su base mensile che va da un minimo dello 0.25% sul certificato con sottostante ENI ad un massimo dello 0.8% su BANCO BPM.

I premi variano in funzione della rischiosità dei singoli sottostanti e del dividendo atteso sugli stessi. E' infatti importante ricordare che i certificati non prevedono il pagamento di dividendi ma presentano benefici fiscali per chi avesse delle minusvaluenze. Infatti a differenza dei proventi da dividendi che sono tassati alla fonte al 26% (per i residenti in Italia, ndr), i premi di questi certificates vengono portati in detrazione.

Vediamo ora altre caratteristiche che è importante conoscere:

1) Questi prodotti sono quotati su Sedex

2) Sono emessi a 100 Euro per singolo certificato (di conseguenza è facile spezzettare l'investimento)

3) Hanno un'orizzonte temporale di breve termine (scadono tutti tra 1 anno 12.03.2019)

4) Barriera al 75% del prezzo di riferimento iniziale del sottostante.

Considerazioni della nostra redazione

Questi prodotti, secondo noi, sono indicati per quegli investitori che hanno aspettavive moderatamente rialziste, neutrali o lievemente ribassiste sui sottostanti oggetto dell'emissione.

L'investitore che sceglie questi prodotti, rinuncia ai potenziali rialzi sul sottostante, il suo massimo profitto, infatti è prestabilito e certo al momento dell'acquisto, a fronte di una protezione in caso di ribassi (in questo caso del 25%).

E' importante ricordare che in caso di scenario negativo (sottostante sotto la barriera alla data di rilevazione finale) il certificato rimborsa un valore pari alla performance negativa del sottostante, con conseguente perdita sul capitale investito.

Tra i certificati proposti ci piace in particolar modo quello su Azimut perchè fornisce un buon rendimento su un titolo che a nostro avviso presneta degli ottimi valori fondamentali.

Per qualunque ulteriore informazione vi esortiamo a rivolgervi direttamente all'emittente o andare sul sito QUI

Contenuto Sponsorizzato dall'emittente.

1 - Commento

Riccardo Zago - 28 marzo 23:37 Rispondi

Bello quello su Azimut, ma anche quello su Intesa Sanpaolo è interessante.