ENEL: analisi e spunti operativi

Buongiorno a tutti,

come sapete sono ribassista da qualche tempo e negli ultimi giorni la borsa di Milano ha iniziato a darmi ragione.

Questa mattina ho cercato di scovare qualche titolo che per varie ragioni aveva registrato delle performance positive significative. L'idea era quella di trovare un titolo dove ci fossero delle opportunità interessanti legate a possibili ribassi.

Analizziamo ENEL.

In figura noterete che il titolo negli ultimi 6 mesi ha avuto una progressione di oltre il 30%. Molte Banche e Broker hanno promosso il titolo ed hanno dato target price ambiziosi. 

Sono convinto tuttavia che il business di ENEL sia piuttosto stabile e che vi sia poco da inventare o sviluppare almeno nel breve. Ritengo che il P/E per un titolo come questo debba essere tra 13 e 14 ed al momento è oltre 17.

Quale sarebbe il prezzo corretto utilizzando un P/E di 13.5?

Il prezzo sarebbe 3.56 Euro contro i 4.66 che prezza in questo momento. La conclusione è che quindi si tratta a mio avviso di un titolo sopravvalutato.

Dal punto di vista tecnico inoltre abbiamo visto le prime avvisaglie di inversione e gli indicatori segnalano che sta arrivando un po' di debolezza sul titolo, successiva agli ultimi spunti. Sembra che ENEL debba ricaricare "le batterie". 

Proviamo a sfruttare i certificati Turbo per prendere posizione sul titolo.

Turbo Short ENEL: NL0012156368

Si tratta di un certificato short con barriera a 5 Euro (Stop loss).

La leva in questo momento è di 13,7 volte. Questo significa che per coprire un sottostante di 10'000 Euro bastano circa 730 Euro per comprare 2210 certificati ad un prezzo di 0.33 centesimi. L'idea è quella di avere un rapporto rischio rendimento di 1 a 3.

Chiuderò l'operazione a in stop a 0.15 centesimi con una perdita di 397,8 Euro

Chiuderò a target se il certificato dovesse andare a 0,87 centesimi con un profitto di 1193.4

Attendo i vostri commenti in merito.

5 - Commenti

Orazio Di Giovanni - 30/05/2017 16:18 Rispondi

Ciao Enrico,

questa operazione mi piace di più rispetto al long Telecom Italia. Anche se ha un P/E elevato c'è da dire che è un azione difensiva e che quando i mercati girano al ribasso potrebbe seguirli meno. Che ne pensi?

Enrico Lanati - 30/05/2017 16:57 Rispondi

Penso che tu abbia ragione, ma secondo me ha corso troppo per il momento deve rifiatare.

La cosa bella è che in questo momento il certificate costa 0.27 cents ed è quindi ancora piu' conveniente.

Se non fossi entrato prima farei

2210 pezzi a 0.27 investendo 596 Euro con stop a 0.10 e quindi con una perdita potenziale ancora piu' bassa pari a 375 Euro ed un profitto potenziale di 1326 Euro con rapporti risk reward di 1 a 3.53.

Mancini Marco - 31/05/2017 17:47 Rispondi

Ciao Enrico, i tuoi "spunti" sono sempre interessanti, anche se oggi ENEL ha chiuso con +1%.

Ho un solo dubbio: per chi non fa (o non può fare) trading "estremo", cioè com operazioni della durata di pochi giorni, non si rischia di rimanere "impiccati" con un turbo che scade fra sole 2 settimane?

Altra domanda: perchè il turbo short "gemello" (NL00121163190), anch'esso con stop a 5,00 euro, ma con scadenza a fine anno, ha un prezzo ben superiore? E' perchè entra in ballo la scadenza allungata rispetto a quello proposto nell'articolo?

Enrico Lanati - 31/05/2017 19:02 Rispondi

Ciao Marco, si è un problema di scadenza. Secondo me è sempre meglio lavorare sulla scadenza piu' vicina. Poi eventualmente si passa su quella successiva.

Mancini Marco - 31/05/2017 19:43 Rispondi

Presumo che - a parità di stop loss - ti piaccia il turbo con scadenza ravvicinata solo perchè ha una leva maggiore ed un prezzo minore. Correggimi se sbaglio.