Anche per Ethereum future in arrivo

  • Nel 2020 potrebbe essere quotato un contratto futures su Ethereum; 
  • Bitcoin attualmente vede il 50% degli scambi concentrari su contratti future;
  • Ethereum si sta avvicinando alla resistenza chiave di 190$.

Il maxi balzo di Bitcoin del 25 ottobre non ha trovato seguito e la criptovaluta ha spento la sua corsa contro una serie di resistenze che di fatto catalogano l’attuale movimento come un normale rimbalzo all’interno di una fase correttivo ribasssita. Il muro dei 10 mil $ regge ancora.

Secondo un recente paper di Coinbase i possessori di Bitcoin di lungo periodo non possono certo lamentarsi. Dal 2013 Bitcoin ha battuto in termini di performance lo S&P500, ma anche nel 2019 la criptovaluta ha portato a casa un risultato 10 volte superiore a quello della borsa americana. Sorvolo sulla volatilità he accompagnato questo rendimento ma naturalmente lo studio di Coinbase è viziato da conflitto di interesse.

Questa analisi ha evidenziato come circa il 9% della popolazione americana (ovvero 27 milioni di persone)  hanno utilizzato Bitcoin quest’anno. Evidentemente i margini di miglioramento sono ancora molto ampi soprattutto perché le notizie che arrivano dal mercato dei futures sono incoraggianti.

Bloomberg ha infatti reso noto che il volume di trading totale su Bitcoin passa al 50% dal mercato futures.

Ormai datato dicembre 2017 (data del picco di prezzo delle criptovalute mondiali), il lancio del future di Bitcoin ha per il momento trovato il favore di molti investitori istituzionali in attesa di capire se l’ETF potrà essere uno strumento utilizzabile qualora la SEC americana decidesse di dare l’autorizzazione alla commercializzazione.

Come detto in apertura Bitcoin non è stato capace di superare la resistenza che unisce i massimi di giugno agosto e settembre. Chiudere oltre 10 mila $ è il requisito necessario per poter assistere ad una ripartenza più convinta da parte di BTC.

E sempre parlando di future la notizia trapelata dalle dichiarazione del del Presidente della CFTC (Commodity Futures Trading Commission), Health Tabert, ha coinvolto Ethereum.
Talbert ha affermato che Ethereum è una commodity e che i contratti futures basati su ETH presto diventeranno realtà. Una news che in altri tempi avrebbe fatto decollare Ethereum, ma che in questa fase non sembra scaldare il cuore dei trader.

Tecnicamente il momento appare però interessante.

Ethereum ancora una volta è riuscito ad evitare la rottura ribassista della up trend line che sale da dicembre 2018. La lunga candela bianca coincisa con il maxi rimbalzo di Bitcoin è arrivata dopo l’ennesimo tentativo di sfondamento verso il basso da parte dei prezzi, tentativo fallito per il momento con tanto di teorico doppio minimo in formazione.

Allontanata quindi l’inversione di tendenza questo disegno tecnico ci offre la possibilità di sapere con ragionevole certezza quando sarà il momento di rientrare lunghi su Ethereum. Sopra 190 Eur ETH avrebbe ragione della media mobile a 200 giorni e della trend line che unisce i massimi di agosto e settembre.

A  quel punto entrare lunghi su Ethereum sarebbe una scelta fortemente consigliata con obiettivo zona 230 $.

---

Scopri come individuare un TREND in modo semplice!

Guarda il VIDEO qui

---

0 - Commenti