WALMART espande il suo business

Il  più grande rivenditore al mondo sta entrando nel business degli animali, infatti ha aperto di recente oltre 20 cliniche veterinarie nei suoi negozi e ha in programma di aprirne molte altre entro la fine del 2019.

Sarà possibile effettuare esami di routine al proprio animale domestico, vaccinazioni, curare malattie e allo stesso tempo fare la spesa o comprare prodotti per la casa. La società sta anche lanciando la sua prima farmacia online per animali domestici, tentando così di affermarsi in questo mercato multimilionario.

I proprietari di animali domestici sono sempre più attenti all’alimentazione dei propri animali e spendono sempre di più per le opzioni di cibo biologico e naturale.

Le vendite di alimenti per animali domestici freschi e naturali sono aumentate del 70% in quattro anni, superando i 500 milioni di Dollari ed è destinato a crescere ulteriormente in futuro.

Dopo una decrescita vertiginosa durata tutto l’anno 2015 in cui Walmart ha perso quasi il 40% del suo valore toccando un minimo di 56,30$, il titolo ha ripreso a crescere fino a Gennaio 2018 facendo segnare il massimo storico a quota 109,98$.

Quindi è stato ampiamente recuperato tutto il terreno perso nella precedente gamba ribassista.
Nel primo semestre del 2018 si è poi verificata una svolta negativa in cui il titolo ha perso il 25% dopo il deludente rapporto sugli utili del primo trimestre. 

La seconda metà del 2018 è stata altalenante in quanto, fino a fine Ottobre è stata caratterizzata da un trend positivo ma negli ultimi due mesi dell’anno Walmart ha perso il 19%.

A fine Dicembre 2018 i prezzi hanno rotto la trendline ribassista e da quel momento si è innescato un trend positivo di medio periodo che sta caratterizzando il 2019.

Nel breve-medio periodo i corsi si stanno lentamente avvicinando a una resistenza molto importante situata in area 104,1$, che nel recente passato ha respinto i prezzi per ben tre volte cioè a Febbraio, Aprile e metà Maggio.

Se nelle prossime sedute dovessero aumentare gradatamente i volumi  e meglio ancora, diminuisse anche la volatilità si può pianificare un ingresso al rialzo alla rottura di area 104$.

Inserire lo stop appena al di sotto dell’eventuale zona di congestione oppure in corrispondenza del minimo relativo precedente. In entrambi i casi si avrebbe un rischio relativamente basso quindi l’operazione sarebbe conveniente.

Il primo target si posizionerebbe in area 106,21$ cioè sul massimo registrato nell’ultimo anno e quindi, in ottica di medio periodo,è pensabile mettere nel mirino anche il massimo storico a 109,98$.

E’ consigliabile effettuare delle uscite scaglionate in modo da poter essere ancora in posizione in caso il titolo riuscisse a superare anche quest’ultimo livello.

In questo caso convierrebbe seguire i prezzi con una strategia di trailing profit in modo da non porre limiti ai guadagni in quanto non ci sarebbero resistenze importanti da affrontare.

Se Walmart dovesse dare segnali di debolezza sarebbe meglio entrare short solo alla rottura di area 98,8$ con stop a 103,5$, primo target a 96,5$, secondo a 93,5$ e infine nel medio-lungo periodo, a 85,8$.

0 - Commenti