Wall Street: 3 ragioni per puntare sui titoli difensivi | Investire.biz
Kimura Trading

Wall Street: 3 ragioni per puntare sui titoli difensivi

Su quali azioni investire a Wall Street? Dati macro e performance di luglio rimettono in spolvero i titoli value. Vediamo insieme 3 motivi per preferire azioni difensive

Negli ultimi tempi a Wall Street è caccia ai titoli difensivi, ovvero quelle società che realizzano una crescita stabile degli utili indipendentemente dall'andamento dell'economia. Nel mese di luglio le azioni delle società non cicliche hanno realizzato un rendimento totale del 4,2%, comprensivo del rialzo azionario e del pagamento dei dividendi.

Se si fa il raffronto con le azioni legate al ciclo economico, si può notare una netta differenza sostanziale: queste ultime hanno avuto un rendimento di appena lo 0,4%. I titoli relativi ai beni di prima necessità e alle utility hanno spiccato sul resto e questo potrebbe essere un segnale molto importante per il mercato azionario.


Cosa significa per il mercato l'acquisto dei difensivi?

Che messaggio quindi viene dato agli investitori? Il rifugio verso le azioni sganciate dal ciclo economico rappresenta un campanello di allarme. Potrebbe significare che la crescita economica post-pandemica ha raggiunto il picco.

Alcuni spunti sono poco incoraggianti a tal riguardo, specie guardando bene le letture dei dati macroeconomici. La scorsa settimana, il PIL USA trimestrale è cresciuto molto meno delle stime degli analisti: 6,5% contro l'8,5% pronosticato dal consensus. L'indice PMI del settore manifatturiero di questa settimana indica un rallentamento della crescita. Tutto ciò incentiva gli investitori a spostare il denaro verso società che non risentirebbero degli effetti recessivi dell'economia.


Wall Street: 3 ragioni per compare titoli difensivi

Quanto la nuova tendenza in atto possa durare dipende molto dall'evolversi delle condizioni macroeconomiche generali nei prossimi mesi, ma quantomeno nel breve vi sono 3 ragioni che fanno pensare che i titoli non ciclici continueranno a brillare a Wall Street:

 

La variante Delta

La variante Delta attualmente rappresenta il principale spauracchio per la ripresa economica e questo mette incertezza generale nelle scelte d'investimento. Le vaccinazioni in molti Paesi meno sviluppati ancora sono insufficienti per arginare un contagio da Covid-19 che si sta allargando a macchia d'olio.

Preoccupa però anche la quantità di nuovi positivi negli Stati Uniti, passati in un mese da 3.000 a 150.000 casi di Coronavirus. Non bisogna dimenticare che il Paese guidato da Joe Biden (link) è stato all'avanguardia riguardo la campagna di vaccinazione e gran parte della popolazione è già immunizzata. Il pericolo che si torni nuovamente a lockdown più o meno generalizzati si fa sempre più stringente e questa sarebbe una sciagura per tutta l'economia globale.

 

Il tapering della FED

L'ultima riunione della Federal Reserve (link) ha dato rassicurazioni sul fronte dei tassi, ma non sul piano della riduzione del programma di acquisti mensili di bond pubblici da 120 miliardi. Il rischio che l'economia si surriscaldi alimentando lo scoppio di un'altra bolla comincia a prendere forma e l'inflazione potrebbe durare più a lungo di quanto Jerome Powell (link) non dica. Di fronte a questo pericolo il tapering anzitempo è un passaggio inevitabile; il disastro sarebbe farlo in un'economia tramortita ancora una volta dal nuovo ceppo del virus.

 

Azioni difensive a sconto

I titoli difensivi hanno un prezzo ancora allettante, nonostante gli acquisti degli ultimi mesi. In base a uno studio elaborato da Goldman Sachs, il Price/Earnings medio dei difensivi rispetto a quello dei ciclici è dell'85%, un valore ben superiore a quello minimo del 65% del 1980, ma non alto se si considera la media storica.

 

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Investire.biz manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

0 - Commenti