Rischio di un calo sulle azioni?

  • Il 2019 è stato un anno record per l’azionario;
  • Wall Street ha registrato nuovi massimi e livelli record su tutti i listini;
  • Alcuni analisti temono un possibile calo tra il 10% e il 20%.

Il toro che da oltre 10 anni corre sui mercati di Wall Street potrebbe prendersi una pausa, seppur momentanea?

La view degli analisti

Questa la view di alcuni analisti che guardano al mercato azionario come ad un punto interrogativo per i prossimi mesi. E tra questi esperti c’è anche Ed Yardeni, da tempo schierato con i bullish, il quale, nonostante il suo comprovato ottimismo, sta mettendo in discussione la serie di vincenti performance viste ultimamente sul mercato. Il motivo? Valutazioni troppo alte e che devono ritrovare un equilibrio. Infatti il target da lui fissato sull’S&P 500 per il 2020 e cioè 3.500 punti, si sta avvicinando a grandi passi. Troppo grandi a quanto pare, soprattutto se si considera che da inizio anno l’S&P 500 ha registrato circa un +30%.

I numeri anomali del 2019

Una corsa le cui conseguenze potrebbero essere decisamente dolorose. Anche perché l’orizzonte è sgombro da qualsiasi timore. In altre parole, il mercato potrebbe continuare a correre senza freni. Da qui i timori di una possibile correzione del 10-20% sull’azionario entro un paio di mesi. Paradossalmente non spaventa più nemmeno la tanto temuta recessione che ormai, sparita dai radar, è solo un lontano ricordo. Tanto lontano da essere non solo cancellata dalla lista dei rischi per il 2020, ma, con ogni probabilità, anche in quella del 2021. E ancora. Il 2019 ha visto delle profonde anomalie rispetto ad alcuni dati statistici. Un esempio? Giugno, in genere uno dei mesi peggiori per le azioni, è stato invece uno dei migliori, con l’S & P 500 in aumento del 6,89%.

Cosa preferire ora?

Lo stesso si può dire di settembre. Dal 1980 al 2018 ha registrato un rendimento negativo; quest’anno, invece, l’S & P 500 è aumentato dell′1,72%. Di fronte a questo scenario come investire al meglio? Secondo Yardeni la strategia migliore al momento è quella di attendere il prossimo pullback per riuscire a comprare azioni tecnologiche (da lui consigliate) ad un prezzo migliore. Anche perché, come da lui stesso sottolineato, attualmente quello statunitense, non è un mercato a buon prezzo.

---

Solo nell'ultimo anno la banca d'affari Goldman Sach ha guadagnato oltre nove miliardi di dollari con il trading.

In QUESTO CORSO vedremo come ha fatto!

(Il corso è scontato del 50% fino al 31.12.2019)

---

0 - Commenti