Rally natalizio: Wall Street tocca nuovi massimi

  • Crescita generalizzata delle borse americane grazie ai più distesi rapporti con la Cina e ad operazioni di M&A;
  • Il mercato interbancario richiede liquidità ma Powell frena sui tassi;
  • Debutto a Piazza Affari di FOS, l'azienda che fornisce servizi digitali alla PA e ai gruppi industriali italiani;
  • Lettera ai dipendenti di FCA e PSA sui progetti di fusione.


Borse Usa in gran spolvero

Seduta molto positiva degli indici azionari statunitensi con il Dow Jones che guadagna lo 0,7% e lo S&P lo 0,8%, ancora meglio fanno il Nasdaq che sale dell'1,3% e il Russell 2000 dell'2,1%. Ormai sembra che siamo alla stretta finale sull'accordo commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina come riferiscono alcune agenzie di stampa come la cinese Xinhua che, anche se non fornisce dettagli, scrive che il minuetto è in dirittura d'arrivo. A rimpolpare i listini anche operazioni di M&A in atto nei vari settori delle aziende americane, dove Schwab acquisisce TD AMeritrade, broker specializzato soprattutto nel comparto obbligazionario, eBay vende StubHub e LVMH e acquista Tiffany, l'azienda di gioielli. Queste operazioni muovono grossi capitali e fanno aumentare i volumi favorendo l'azionario e diminuendo la ritenzione al rischio come dimostra un altro crollo dell'indice Vix (-4%) e il calo generalizzato dei beni rifugio. Infatti l'oro flette per il quarto giorno consecutivo e lo yen giapponese perde terreno prestandosi ottimamente, in questo periodo, per le operazioni di carry trade.

Richiesta di liquidità sul mercato interbancario

Sul fronte obbligazionario torna ad aumentare il differenziale tra il Treasury Note a 10 anni e il bond a 2 anni dopo ben 9 sedute in cui la curva dei tassi si è schiacciata verso il basso. A favorire questa variazione sui tassi l'iniezione di liquidità del braccio operativo della Fed, cioè la banca centrale di New York, sul mercato interbancario, il quale negli ultimi tempi ha prenotato richieste per ben 49 mld di dollari dei 25 mld offerti. Il mercato quindi cerca di convincere la Fed a mantenere le promesse fatte a settembre e soprattutto ad essere più dovish sul fronte tassi, per la gioia di Trump. Nella notte però Powell ha dichiarato che il bicchiere è quasi pieno riguardo l'economia statunitense e che la Fed sarà vigile ma non così prona alle richieste continue di taglio del costo del denaro.

In Italia sbarco in borsa di FOS sull'Aim

Oggi debutto a Piazza Affari di FOS che è la piattaforma innovativa che fornisce servizi e prodotti digitali alla Pubblica Amministrazione e a grandi gruppi industriali privati. Si quoterà nel segmento dell'AIM collocando 2,22 milioni di azioni al prezzo di mercato di 2,25 euro con un flottante che raggiunge il 36% del capitale dell'azienda.
L'attesa è notevole in quanto la richiesta del mercato, soprattutto di grandi investitori istituzionali italiani ed esteri, è quasi 3 volte il quantitativo offerto. La società è in gran spolvero, avendo chiuso il bilancio del 2018 con un fatturato di 9,7 mln di euro, con EBITDA di 1,7 mln e un utile netto di 0,4 mln.

FCA-PSA: fusione nelle prossime settimane

Con una lettera ai dipendenti i due giganti dell'auto hanno sancito, al di là di ogni dubbio, la fusione che avverrà nelle prossime settimane. Le case automobilistiche stanno trattando per fare in modo che nel tempo il prodotto che scaturirà da questa unione porterà il gruppo ad essere il numero uno del settore. Intanto l'agenzia di rating Fitch conferma il rating di FCA BBB- con outlook di lungo termine stabile, però senza contare i benefici che ne possono derivare dalla fusione in corso.

---

!!!ATTENZIONE!!!

Settimana del Black Friday, 25% di sconto su tutti i CORSI e SERVIZI usando il codice sconto BLF

Vai subito alla pagina dei CORSI o dei SERVIZI

---

0 - Commenti