PIRELLI in arrivo i pneumatici intelligenti

  • Pirelli presenta i pneumatici intelligenti “Pirelli Cyber Tyres”, in grado di inviare informazioni agli altri automobilisti in caso si presentassero pericoli sulla strada;
  • “Pirelli Cyber Tyres” utilizzeranno la tecnologia 5G per comunicare i dati;
  • i pneumatici intelligenti forniranno informazioni anche su altri parametri, come la pressione delle gomme e il consumo del battistrada.

L’internet delle cose, basato sugli algoritmi dell’intelligenza artificiale, sta sbarcando definitivamente anche in ambito automobilistico, dove finora non aveva dimostrato grande innovazione.

In questo contesto, tra i precursori a livello mondiale, c’è un’azienda italiana, Pirelli, che ha recentemente presentato “Pirelli Cyber Tyres”, ovvero dei pneumatici che sono in grado di divulgare automaticamente le condizioni del manto stradale agli altri automobilisti che si trovano nelle vicinanze.

Le “Pirelli Cyber Tyres” sono dotate di un sensore e di un processore per la comunicazione, che attraverso la tecnologia 5G, sono in grado di comunicare in modo molto veloce le informazioni riguardanti la strada e il veicolo stesso.

Se si sta viaggiando in condizioni climatiche avverse, ad esempio durante delle precipitazioni piovose, il sensore comunica agli altri guidatori se il manto stradale presenta dei pericoli e quindi li avverte sui possibili rischi.

Il sensore applicato al pneumatico, è inoltre in grado di trasmettere i dati alla centralina dell’auto e attivare di conseguenza alcune modifiche al suo assetto, come il controllo della trazione e la ritaratura delle sospensioni, in modo da adeguarle alle condizioni dell’asfalto.

I pneumatici intelligenti, sviluppati da Pirelli, forniscono anche informazioni riguardanti la pressione delle gomme, la loro temperatura e segnalano quando il battistrada è eccessivamente consumato e quindi devono essere sostituite.

A livello aziendale, Pirelli ha recentemente rinnovato l’accordo per la fornitura unica della Superbike almeno fino al 2023, consolidando ancora di più il proprio legame con il Motorsport che dura ormai da diversi anni.

Dopo lo sbarco in borsa, avvenuto nell’ottobre del 2017, Pirelli ha vissuto un trend positivo fino a gennaio del 2018, culminato con il raggiungimento del massimo storico a quota 7,988 euro.

Da questo livello si è sviluppato un ribasso di medio-lungo periodo che è ancora in atto, caratterizzato dall’alternarsi di fasi laterali con fasi negative.

Il lungo periodo di svalutazione ha portato il titolo a far segnare, il 16 agosto del 2019, il proprio minimo storico a quota 4,430 euro.

Successivamente si è sviluppato il pattern 1-2-3 che ha determinato un rally al rialzo di breve periodo che si è infranto sulla media mobile a 200 giorni.

Nell’ultimo trimestre di quest’anno, la media è stata testata più volte, ma ha sempre respinto i prezzi che hanno quindi formato una fase laterale al di sotto di essa.

Vediamo ora i livelli chiave da tenere sotto osservazione.

Long:

ingresso: breakout area 5,574 euro
stop: area 5,030 euro
target: 5,858 euro e successivamente il massimo a 6,604 euro

Short:

Ingresso: breakout zona 5,030 euro
Stop: appena al di sopra di area 5,574 euro
1° Target: area 4,983 euro 2° target: area 4,647 euro.

0 - Commenti