PININFARINA con Evergrande per un auto sostenibile

  • Accordo cinese per Pininfarina per la realizzazione del design di veicoli elettrici;
  • Pininfarina sta già sviluppando con Evergrande il design per le auto Hengchi;
  • Il gruppo torinese prevede nuovi sviluppi futuri per altre auto elettriche;
  • Il titolo, sull’onda di queste notizie, sta cercando di risalire in borsa nel medio periodo dopo le rovinose discese del passato.

Pininfarina ha stretto un accordo molto importante con il colosso cinese Evergrande per la realizzazione della parte design di un lotto di veicoli elettrici.

Attualmente è già in corso lo sviluppo del design di alcuni modelli con marca Hengchi sempre per Evergrande, quindi a questa si aggiunge una nuova commessa per il gruppo torinese.

Pininfarina ha anche annunciato che nei prossimi anni svilupperà  altri nuovi modelli elettrici, tra cui anche una collaborazione con aziende come Bosch e Benteler.

I progetti messi a punto dalla società italiana di servizi di design per l’automotive, molto probabilmente potranno essere adattati anche per varie altre case automobilistiche.

Pininfarina, quotata sul listino italiano, nel lungo periodo è in un’ampia fase laterale svilupatasi dopo il crollo delle quotazioni avvenuto negli anni 2007 e 2008.

In questo canale laterale dal 2015 i prezzi oscillano tra le aree di 0,937 euro e 3,485 euro, in cui naturalmente hanno offerto delle opportunità di trading.

In questo periodo, se analizziamo il grafico settimanale, le quotazioni  hanno continuato a oscillare in corrispondenza della media mobile a 200 periodi senza prendere una direzione ben consolidata. 

All’inizio di maggio di quest’anno, il titolo ha rotto al ribasso la SMA 200 e da allora è sempre rimasto al di sotto di essa.

Con la lunga candela settimanale, con chiusura del 2 settembre, caratterizzata da volumi molto al di sopra della media, il titolo ha chiuso oltre la trendline discendente, da cui poi si è verificato un fisiologico pull back.

Vediamo adesso come operare sul medio-lungo periodo.

Long:
Ingresso: breakout 2,015 euro con chiusura oltre la media mobile a 200 periodi. Considerare comunque che al rialzo saremmo contro trend, quindi l’operatività è più rischiosa e necessita di molta attenzione
Stop: 1,56 euro
1° Target: 2,215 euro 2° target: 2,455 euro, eventuale 3° target: 2,62 euro.

Short:
Ingresso: breakout 1,56 euro
Stop: 2,015 euro
1° Target: 1,162 euro 2° target: 0.973 euro.

Sul time frame daily, le quotazioni sono a contatto con la SMA 200, ci troviamo all’apice di un trend di breve periodo al rialzo iniziato il 9 ottobre.

La SMA 200 si sta dimostrando una resistenza molto ostica da superare, infatti negli ultimi due mesi i prezzi sono stati respinti più volte. Il suo superamento siarebbe quindi un buon viatico per la prosecuzione del trend.

Di seguito vediamo i livelli da tenere sotto controllo sul grafico giornaliero.

Long:
Ingresso: breakout 2,015 euro con chiusura e consolidamento oltre la media mobile a 200 periodi.
Stop: 1,56 euro
1° Target: 2,21 euro 2° target: 2,39 euro.

Short:
Ingresso: breakout 1,56 euro
Stop: 2,015 euro
1° Target: 1,162 euro 2° target: 1 euro.

---

!!!ATTENZIONE!!!

Giovedi comincia il corso sulle Figure dell'Analisi Tecnica, guarda QUI il programma

---

0 - Commenti