OFFICINA STELLARE una matricola con ottime prospettive

Vorrei segnalare una matricola Aim con una raccolta di 5,2 milioni a valle della quotazione , che dopo aver subito un ribasso costante dal suo sbarco in borsa, sembra che stia per risalire la china, anche grazie alle ottime notizie societarie.

Con forniture di oltre 300 telescopi in lotto unico per intere costellazioni di satelliti, Officina stellare, azienda che produce elementi e strumenti ottici di precisione, si prepara un futuro sicuramente stellare, ma sempre meno da officina.

L’azienda di Sarcedo (Vi), punta a un grande balzo per diventare da laboratorio artigianale del made in Italy a vero hub di fornitura internazionale per il mondo dello spazio. I

ll ceo e cofondatore Giovanni Dal Lago ha annunciato un portafoglio ordini di circa 11 milioni, già coperto fino al 2020.
L’ambizione è diventare la prima «space factory» italiana.

«Una realtà - spiega Dal Lago - in grado di realizzare prodotti per applicazioni spaziali a livello industriale. Siamo già in grado di produrre in serie, ma ora serve un cambio di paradigma, facendo in modo che, in termini di costi e di tempistica, si possa essere in grado di soddisfare in maniera strutturata le richieste del mercato. Dobbiamo andare oltre i nostri limiti attuali».

Il settore è in forte espansione, soprattutto nel segmento della new space economy, vale a dire la produzione di telescopi nel mondo dell’aerospazio, nonostante il piano industriale triennale di Officina stellare preveda una crescita in tutte i presidi dell’azienda (che comprende anche difesa e ricerca scientifica).
«Il 50% del fatturato riguarda già l’aerospazio - spiega Dal Lago - e per il futuro questa quota dovrebbe leggermente aumentare».
Grazie alle risorse raccolte con la quotazione l’azienda intende «aumentare - spiega Dal Lago - produttività e qualità. Ci servono macchine nuove e risorse umane specializzate». Per quanto riguarda le competenze di prodotto, l’azienda non è alla ricerca di particolari occasioni nel mercato dell’m&a.

Officina stellare prevede di chiudere il 2019 con un valore della produzione di 8,120 milioni e un ebitda di 2,936 milioni, più che raddoppiato rispetto agli 1,115 milioni dell'ultimo esercizio. Nei piani cè anche il raddoppio dell’organico attuale.

Al momento in cui viene scritto questo articolo, il titolo ha rotto la resistenza di 7,90€, corrispondente alla parte superiore del canale orizzontale che si è formato dopo il ribasso dei mesi precedenti.
Personalmente sono fiducioso della ripresa delle quotazioni in quanto si tratta di un’impresa solida che ha ottime prospettive per il futuro.

Vediamo i livelli da monitorare per operare sul time frame giornaliero.

Opzione long:
Ingresso : attendere un pull back sul ritorno a 7,90€
Stop: area 7,10€
Target: 8,86€ e 9,70€

Opzione short:
Ingresso : alla rottura di 7,10€
Stop: area 7,90€
Target: Trailing profit

---

Vuoi imparare a scegliere le azioni come Warren Buffet?

Iscriviti al Corso completo di Analisi Fondamantale

Clicca QUI per vedere il programma

---

0 - Commenti