KELLOGG: focus sui singoli paesi e forte crescita in Europa

Kellogg punta sempre di più sul mercato europeo e in particolare sull’Italia, indirizzando la propria strategia sui singoli paesi e non più a livello globale.

L’ azienda leader nella produzione di cereali e il secondo più grande produttore di biscotti, cracker e snack al mondo, ha annunciato una nuova struttura organizzativa per l’Europa con l’obiettivo di presidiare sempre al meglio i mercati chiave in cui opera, compresa l’Italia.

Tutto ciò per dare ulteriore spinta al trend positivo che il business sta vivendo in Europa dove ha registrato, una crescita costante per sette trimestri consecutivi.

La nuova organizzazione risponde alle necessità dell’azienda di continuare questo percorso di crescita, essendo sempre più competitiva, agile e veloce.

Il colosso statunitense passa così da una struttura di cluster  a una maggiore autonomia e focalizzazione sui singoli Paesi con l’identificazione di Market Head locali per ciascun mercato di riferimento.

In questo nuovo contesto, l’Italia ricopre un ruolo centrale in quanto il business italiano è tra i più importanti in Europa e qui Kellogg opera ormai da oltre trent’anni.

Nel nostro Paese, Kellogg è leader nel settore dei cereali con più del 43% di quota di mercato.

Sono due gli assi su cui si sviluppa la strategia di crescita di Kellogg in Europa e di conseguenza anche in Italia: da un lato investire nei brand storici, e dall’altro ascoltare le nuove esigenze dei consumatori, quindi innovando la gamma prodotti secondo le tendenze più forti del mercato.

Un esempio su tutti: Kellogg ha recentemente lanciato il brand W.K. Kellogg che richiama il nome del fondatore .

Si tratta di una linea di snack e cereali per la prima colazione che rispecchia la richiesta crescente dei consumatori di alimenti biologici, senza zuccheri aggiunti e di origine vegetale, che abbiano non solo specifiche caratteristiche nutrizionali ma anche valori distintivi.

In borsa, Kellogg sta vivendo un trend negativo di medio-lungo periodo iniziato nel 2016.

Se però ci focalizziamo sugli ultimi 12 mesi del grafico giornaliero, notiamo che, con il forte gap up del primo agosto di quest’anno, i prezzi si sono riportati stabilmente sopra la media mobile a 200 giorni.

Inoltre, sempre quel giorno, è stata violata la trendline discendente che ha caratterizzato l’ultimo trimestre del 2018 e i primi 7 mesi del 2019.

Alla luce di queste considerazioni basate sull’analisi tecnica si puo’ quindi essere ottimisti sull’andamento futuro del titolo.

Valutiamo ora i possibili ingressi su Kellogg.

Long:
Ingresso: breakout 65,59$
Stop: 60,80$

1° Target: chiusura del gap down del 31 ottobre 2081 a 70,44$, 2° target: 72,98$, 3° Target: 74,98$

Short:
Ingresso: breakout 60,80$
Stop: 65,59$
1° Target: 58,66$ chiusura gap up del primo agosto, 2° target: area 54,35$

---

Guarda la registrazione del Webinar del lunedi, abbiamo parlato di EURUSD, Bitcoin, DAX, GOLD...Clicca QUI

Iscriviti al prossimo Webinar del lunedi da QUI

---

0 - Commenti