FEDEX lancia la sfida ad Amazon

  • FedEx quest’anno ha dovuto rivedere al ribasso per ben tre volte le proprie previsioni
  • Le cause dell’indebolimento di FedEx sono da ricercare principalmente nall’avvento di Amazon come nuovo competitor.
  • Bezos possiede ormai una flotta all’altezza di FedEx
  • FedEx lancia un’alleanza tra aziende per contrastare Amazon

FedEx è da quasi mezzo secolo sinonimo di spedizioni sicure e veloci, ma negli ultimi tempi si trova in estrema difficoltà: quest’anno per tre volte è stata ormai costretta a tagliare le previsioni di performance.

Il colosso americano fondato nel 1971 da Fred Smith risente, come molte altre aziende tradizionali, degli effetti dovuti alle rivoluzioni tecnologiche e al cambiamento delle abitudini dei consumatori.

Il rapido sviluppo del commercio elettronico ha cambiato la domanda, oggi ci sono sempre più richieste di consegne a domicilio da un grande magazzino nelle vicinanze, rispetto alla necessità di coprire rapidamente lunghe distanze.

Inoltre la guerra dei dazi innescata dall’amministrazione Trump ha determinato tensioni e rallentamenti del commercio globale, a cui bisogna aggiungere un’economia mondiale in fase di indebolimento.

Ma la causa principale che ha determinato la frenata dei furgoni e degli aerei che hanno inventato le consegne nel giro di una notte, ha un nome: Amazon.

Il gigante dell’e-commerce e di Internet si è trasformato da grande cliente dei suoi servizi in un agguerrito rivale, capace di costruire il proprio regno nella logistica e nei trasporti e di creare una flotta autonoma per le consegne.

Dopo questa dichiarazione di guerra, FedEx ha annunciato quest’anno al mondo il divorzio dalla società di Bezos e non effettuerà mai più consegne per Amazon.

È stato un divorzio costoso, da quasi un miliardo di dollari l’anno sommando i contratti con Amazon che FedEx ha lasciato cadere.

Bezos intanto ha ormai creato una flotta all’altezza di FedEx, con l’acquisto di centomila veicoli elettrici, dotata di autocarri con rimorchio, decine di velivoli cargo e decine di centri di smistamento dei pacchi.

Smith ha a sua disposizione una flotta di 680 aerei e 180.000 veicoli a terra per le sue consegne.

Per far fronte alla nuova rivale, i vertici di FedEx stanno organizzando un’alleanza alternativa, riunendo le aziende danneggiate dall’espansione di Amazon.

In questo senso Smith si rivolge soprattutto al mercato retail, vale a dire ai giganti feriti del calibro di Walmart e Target, che a loro volta stanno promuovendo numerose iniziative di e-commerce per contrastare Amazon.

Per attuare la controffensiva, FedEx ha ampliato i propri magazzini di smistamento pacchi, con l’aggiunta di 70 nuovi centri.

A Wall Street FedEx è in trend negativo ormai da quasi due anni e in questi giorni i prezzi sono a contatto con la trendline discendente.

Vediamo, analizzando il grafico, quali sono i livelli da tenere in considerazione.

Long:
Ingresso: attendere alcune chiusure oltre la SMA 200 che attualmente si trova in area 169 USD
Stop: sotto il minimo relativo precedente
1° Target: 190,65 USD, 2° target: area 199,32 USD

Short:
Ingresso: breakout area 137,38 USD
Stop: area 155 USD
Target: trailing profit.

0 - Commenti