Enav: un titolo che viaggia in alta quota

Riprendendo il discorso sulle utilities, lasciato in sospeso da qualche settimana oggi ci focalizzeremo su Enav.

La società  gestisce il traffico aereo civile in Italia, garantendo a circa 2 milioni di voli l’anno sicurezza e puntualità 24 ore su 24, dalle Torri di controllo di 45 aeroporti e dai 4 Centri di Controllo d’Area. Con circa 4200 dipendenti, l’azienda fornisce i servizi alla navigazione aerea dei propri clienti, ovvero le compagnie aeree che volano in Italia. La sua capitalizzazione è di 2.81 miliardi di euro.

Secondo I dati pubblicati l’altro ieri da Eurocontrol: il traffico di rotta in Italia (ovvero gli aerei che sorvolano con o senza scalo lo spazio aereo italiano) è aumentato anche nel mese di Settembre segnando +6.2%, seppur in leggero calo rispetto a Luglio ed Agosto (dove l’incremento si attestava rispettivamente a +9.1% e +8.1%). A livello trimestrale si traduce in +7.8% rispetto allo scorso anno, mentre year to date si attesta a +6.2%.

Comparando i dati con il settore si evince un’ottimo score per Enav infatti: la media è di +1.9% a Settembre e  +3.3% da inizio anno (performance quais dopppiata da Enav); rispetto ai principali paesi Europei il dato è ancora piu’ incoraggiante(Germania +1.4%, Francia -0.6%, UK +2.9%). Ai prezzi attuali, il titolo offre un dividend yield 2019-20E del 4.2%.
Enav è un titolo molto interessante in quanto viene generalmente considerato come utility per la stabilità dei sui ricavi (dati per la maggior parte da tariffe fisse), dall’altro è legata al traffico aereo, che come molti studi economici dimostrano, è correlato all’andamento del Pil: la relazione è semplice maggiore Pil maggior traffico aereo.

Quest’ultima relazione evidenzia come ci sia nel business una diretta correlazione con i settori piu’ ciclici.
Nonostante una performance davvero eccezionale, in un anno il titolo ha guandagnato il 31% (considerando solo il price change, quindi dividendi esclusi), le prospettive sono incoraggianti poichè secondo una stima pubblicata da Airbus il traffico auereo raddoppierà nei prossimi 15 anni.
Anche a livello di margini le indicazioni del management sono ottime in quanto Enav si distingue per un Ebitda margin superiore al 30% (33%) con un Ebit margin del 18%.

La società, seguendo i dettami del piano industriale 2018-2022 sta aggredendo altri mercati: ad inizio ottobre ad esempio la controllata di Enav IDS AirNav si e' aggiudicata un contratto da circa 600.000 euro dal Ministerio da Difesa – Comando da Aeronautica – CISCEA, il service provider per il controllo del traffico aereo del Brasile.

Gli analisti di Banca Akros hanno confermato il rating accumulate e il prezzo obiettivo a 5,2o euro dopo le review dei dati di Settembre, mentre Banca Imi rimane con il giudizio Buy e targe price a 5.50; piu’ negativa Credit Suisse che valuta il titolo underperform con prezzo obbiettivo di 3.94.

Da un punto di vista tecnico sono da considerare i seguenti livelli:
    • Buy a 5.30 con primo target a 5.75 e secondo a 5.90 (stop loss a 4.95)
    • in caso di correzione invece: Buy a 4.80 con primo target a 5 e secondo a 5.20 (stop loss a 4.60)

 

0 - Commenti