EBRO FOODS un'azienda sana che cambia strategia

Il gruppo alimentare spagnolo Ebro Foods ha pubblicato per il 1° semestre un utile per azione di 0,484 euro (-2,5%), un dato in linea con le aspettative.

Sempre nel 1° semestre, le vendite sono cresciute del 7,6%, trainate dall’attività riso (+10,2%), mentre il rincaro del grano in Europa e le nuove norme in Francia hanno pesato sui margini della divisione pasta.

Qualche settimana fa il gruppo, sfruttando l’interesse attuale per questo tipo di prodotti, ha venduto la divisione biologica (marchi Celnat, Vegetalia…), poco redditizia, a un prezzo di tutto rispetto (57,5 milioni di euro).

In cambio, ha acquisito Tilda, un marchio di riso pregiato, con un’importante presenza internazionale, a un prezzo senza dubbio elevato (342 milioni di Usd), ma che può senz’altro permettersi grazie alle sue finanze sane.

Ebro si è, così, ricentrata sul riso, un’attività dove ha molta esperienza; inoltre, grazie a Tilda, entrerà in nuovi mercati (Sudafrica, Australia) e otterrà un maggior controllo sulla fornitura del riso basmati, a tutto vantaggio delle sue fabbriche in India e in Tailandia.

Tilda è presente in vari paesi nei cinque continenti; Ha due stabilimenti nel Regno Unito e una forza lavoro di 326 lavoratori.

Le sue vendite nette nell'ultimo anno, a giugno 2019, sono ammontate a 152,6 milioni di sterline, di cui il 60% si trova nel Regno Unito e il 92% è basmati.

In borsa, nel medio periodo (grafico settimanale), Ebro foods ha subito una violenta discesa avvenuta nel secondo semestre del 2018 che ha portato fino a al minimo degli ultimi cinque anni a 16 euro.

Dall’ottobre dello scorso anno il titolo ha ripreso a salire arrivando a un massimo del 2019 di 19,86 euro.

Da Marzo stiamo assistendo a una fase di congestione con i prezzi che oscillano tra 18 e 19,86 euro.

In particolare, le quotazioni stanno trovando una forte resistenza sulla media mobile a 200 periodi, che notoriamente è lo spartiacque per definire se un trend di medio-lungo periodo è al rialzo o al ribasso.

Di seguito vediamo come operare sul weeky

Long :
Ingresso: breakout 19,86 euro, il che significherebbe trovarsi ancora al di sopra della media mobile a 200 periodi.

Stop: 17,95  euro

1° target: 20,50 euro 2° target: 21,56 euro

Short:
Ingresso: breakout 17,95 euro
Stop: 19,86 euro

1° target: 16,91 euro 2° target: 16 euro

Nel breve periodo, il titolo, una volta arrivato al massimo dell’ultimo anno a quota 19,86 euro, è stato respinto e si è verificata una discesa che si è protratta per tutta la scorsa settimana.

Operatività sul grafico giornaliero:
Ingresso: attendere che si formi un minimo relativo più alto del precedente e quindi che si verifichi il breakout  di area 19,86 euro.
Stop: sotto il minimo relativo eventualmente formato

1° target: 20,16 euro 2° target: 20,50 euro

Short:
Ingresso: breakout 17,95 euro
Stop: 18,75 euro

1° target: 17,65 euro 2° target: 17,31 euro

---

Scopri come battere Warren Buffett, guarda QUESTO video

---

0 - Commenti