DISNEY boom di sottoscrizioni al lancio di Disney+

  • Disney ha ricevuto 10 milioni di sottoscrizioni il giorno del lancio della propria piattaforma streaming Disney+;
  • In 24 ore è stato già raggiunto oltre il 10% degli abbonamenti pianificati entro il 2024;
  • Il mercato dello streaming ha grandi margini di crescita e Disney si propone come protagonista di primo piano;
  • Balzo del 7,32% in borsa dopo la notizia sugli abbonati.

Grande successo per il lancio della piattaforma streaming Disney+ avvenuto martedì 12 novembre.

La società con sede a Burbank, California, ha comunicato che in un solo giorno ha ricevuto oltre dieci milioni di sottoscrizioni.

Considerando la fascia alta dell’obiettivo prefissato entro il 2024, da 60 a 90 milioni di abbonati, in sole 24 ore Disney+ ha già raggiunto oltre 10% del forecast, quindi il target sembra assolutamente a portata di mano.

Bisogna comunque tenere presente che Disney ha messo a disposizione una settimana gratuita all’atto dell’iscrizione, quindi probabilmente non tutte le utenze si tramuteranno in abbonamenti.

Comunque resta sempre un lancio veramente scoppiettante, se pensiamo che Netflix. il concorrente principale di Disney+, ha 60 milioni di iscritti negli Stati Uniti ed è sul mercato già da qualche anno, oppure CBS ha impiegato 5 anni per ottenere 8 milioni di sottoscrizioni streaming.

Oltre a fare leva sul prezzo, sui contenuti e sulla potenza del proprio brand, Disney può contare anche sull’accordo stipulato con Verizon, secondo il quale il gigante delle telecomunicazioni offre gratis Disney+ ai propri clienti per 12 mesi.

Il giorno del lancio si sono verificati alcuni inconvenienti tecnici che hanno impedito la connessione in alcuni momenti della giornata, ciò non ha però frenato gli utenti che hanno letteralmente assaltato la pagina di registrazione.

Disney+ propone inizialmente 7.500 puntate TV e 500 film, con un’offerta di contenuti targati Disney, Marvel, Pixar, Star Wars e National Geographic.

Il prezzo attuale è di 6,99 dollari al mese oppure 69,99 dollari all’anno.

Con l’avvento così prepotente di Disney+, assisteremo molto probabilmente a una lotta serrata per accaparrarsi sempre maggiori quote di mercato nello streaming.

E stiamo parlando di players del calibro di Amazon, Netflix, Disney e Apple.

Il giorno dopo il lancio del canale streaming, Disney ha guadagnato, al NYSE, il 7,32%, con volumi oltre 4 volte superiori alla media.

Con questa performance, in una sola giornata, è stato così anche raggiunto il target segnalato nel precedente articolo.

Per il secondo obiettivo è consigliabile rimanere in posizione con una frazione del capitale investito, spostando lo stop in pari per azzerare il rischio, in modo da sfruttare al massimo il buon momento del titolo.

Per chi non fosse già entrato al rialzo, analizziamo come è possibile intervenire adesso, prospettando naturalmente anche l’opzione al ribasso.

Long:

Ingresso: attendere un ritracciamento dopo la lunga candela positiva del 13 novembre oppure, per i più prudenti, al breakout di area 148,72 dollari
Stop: minimo relativo più recente
Target: trailing profit.

Short:

Ingresso: 127,54 dollari
Stop: 134,14 dollari
1° Target: chiusura gap del 12 aprile in area 117,86 dollari 2° target:107,32 dollari.

---

Vuoi imparare a fare trading?

Guarda tutti i nostri corsi QUI

---

0 - Commenti