CROWNE CASTLE e le torrette di trasmissione per il 5G

  • Crowne Castle è in corsa per l’installazione delle torrette necessarie alla tecnologia 5G;
  • solo negli Stati Uniti ci sarà bisogno di parecchie decine di migliaia di piccole torri di trasmissione nuove;
  • Crowne Castle dovrebbe approfittare dell’avvento del 5G.

Crowne Castle è una società statunitense che si occupa, da 25 anni, di fornire infrastrutture che sono alla base delle più moderne tecnologie, nell’ambito delle telecomunicazioni.

Attraverso le proprie installazioni, la società con sede a Houston, in Texas, garantisce alle persone l’accesso alle reti wireless e ai sistemi tecnologici più avanzati.

Con l’avvento del 5G, Crowne Castle si appresta quindi a esercitare un ruolo di primaria importanza nella divulgazione e fruizione, di questa nuova rete rivoluzionaria.

La tecnologia 5G sarà molto più veloce delle precedenti e permetterà, tra le altre cose, la guida assistita, interventi medici a distanza e l’internet delle cose.

Per far sì che tutto ciò avvenga è necessario installare molte piccole torrette nelle strade, al posto delle poche torri giganti di telecomunicazioni che siamo abituati a vedere oggi.

Questo sistema capillare di piccole strutture permetterà la divulgazione del segnale e garantirà, insieme ad altri componenti, la connessione e la trasmissione dati in modo veloce della rete 5G.

Si stima che, solo negli Stati Uniti, sia necessaria l’installazione di diverse decine di migliaia di nuove piccole torri.

Essendo Crowne Castle specializzata da anni nell’implementazione di questo tipo di strutture, potrebbe a breve, trarre enormi benefici dalla diffusione della tecnologia 5G.

Oltre a questo incremento di fabbisogno delle infrastrutture, si sono anche ridotti drasticamente i tempi burocratici per il loro insediamento, quindi anche da questo punto di vista c’è stata ormai una velocizzazione del processo.

Tutto ciò comporta sicuramente dei vantaggi per Crown Castle, che avrà la possibilità di approfittare del megatrend 5G.

I ritmi di crescita dell’azienda sono piuttosto sostenuti e, con queste buone notizie, potrebbero incrementare ulteriormente, permettendo così al titolo di salire ancora in borsa.

Dal grafico settimanale si nota come ormai da quasi 11 anni, i prezzi siano posizionati stabilmente sopra la media mobile a 200 periodi e siano in trend fortemente positivo.

Negli ultimi due mesi si sta sviluppando quello che sembra essere un ritracciamento di medio-lungo periodo, anche se, all’interno di esso, si è formato un massimo relativo inferiore del precedente, quindi dobbiamo porre particolare attenzione prima di aprire una posizione.

Di seguito segnalo quelli che, secondo me, dovrebbero essere i livelli importanti sul time frame settimanale.

Long:
Ingresso: breakout area 144,99 dollari
Stop: 133,48 dollari
1° Target: area 149,47 dollari 2° target: trailing profit.

Short:
Ingresso: breakout area 133,48 dollari
Stop: area 144,99 dollari
1° Target: area 125,48 dollari 2° target: 119,81 dollari.

Sul grafico giornaliero si può vedere come il titolo sia in una fase discendente all’interno di un trend al rialzo di più ampio respiro.

I prezzi si stanno riportando rapidamente verso la media mobile a 200 periodi. Se questo importante livello resisterà ci saranno buone probabilità che i corsi possano riprendere l’ascesa.

Vediamo comunque in dettaglio le due opzioni operative.

Long:
Ingresso: breakout area 144,99 dollari
Stop: minimo relativo precedente
1° Target: area 149,47 dollari 2° target: trailing profit.

Short:
Ingresso: breakout area 133,48 dollari
Stop: area 144,99 dollari
1° Target: area 125,48 dollari 2° target: 122,60 dollari.

---

Quale TIME FRAME utilizzare quando si fa trading?

Guarda il VIDEO qui

---

2 - Commenti

Riccardo Gentili

Riccardo Gentili - 06 novembre 19:06 Rispondi

Gianmarco Bini

Gianmarco Bini - 07 novembre 09:21 Rispondi