CAMPARI acquisisce due importanti società messicane

Campari ha annunciato l’acquisizione, per 32,7 milioni di euro, della quota di maggioranza di Licorera Ancho y cia  e Casa Montelobos, da un gruppo di imprenditori messicani.

Le due società sono rispettivamente proprietarie dei brand super premium Ancho Reyes e Montelobos mezcal.

Ancho Reyes è un liquore dal gusto piccante ottenuto dalla lavorazione di peperoncini di tipo ancho e poblano.

Montelobos invece è un mezcal, ovvero un distillato alcolico prodotto dalle piante di agave in Messico. La sua produzione è quasi completamente artigianale, caratteristica alla base del posizionamento di prezzo.

Questa categoria viene esportata in oltre cinquanta mercati nel mondo, tra i quali gli Stati Uniti, e rappresenta il mercato a maggiore potenziale per la crescita futura.

Il valore delle vendite al dettaglio di mezcal è decuplicato negli ultimi dieci anni e nel solo mercato statunitense ha registrato una crescita media annua composta del 30,4% .

Nel 2018 il mercato principale per Ancho Reyes e Montelobos è stato rappresentato dagli Stati Uniti, con vendite pari al 66,4% del totale.

Nel 2018 i ricavi netti relativi ai due brand sono stati complessivamente pari a circa 6 milioni di euro, registrando una crescita media annua composta del 53,7% nel periodo 2016-2018.

L'acquisizione del 51% delle due società sarà finanziata con risorse disponibili, pagata per cassa e  Il perfezionamento della transazione è previsto entro la fine del 2019.

Con l’acquisizione dei due brand sarà possibile sfruttare la filiera produttiva integrata con impianti di produzione e imbottigliamento in affitto, mentre l’approvvigionamento di agave, materia prima principale per la produzione del mezcal, avviene tramite accordi con coltivatori a livello locale.

"Acquisiamo due gemme con un forte contenuto artigianale e continuiamo a rendere il nostro portafoglio più premium con particolare focus sul mercato chiave statunitense. Inoltre, continuiamo ad arricchire la nostra esposizione sul canale strategico dell'on-premise di fascia alta", ha commentato il ceo di Campari , Bob Kunze-Concewitz.

Dall’analisi grafica del titolo emerge come negli ultimi 12 mesi si sia sviluppato un bel trend positivo durato da ottobre dello scorso anno fino a maggio del 2019, in cui le quotazioni sono partite da un minimo di 6,30 euro e sono arrivate a toccare un massimo di 9,30 euro, con un incremento quasi del 50%.

In Giugno si è verificata un’inversione in quanto il titolo non è riuscito a fare un massimo più elevato del precedente e, nei giorni successivi, è stata rotta al ribasso la trendline rialzista.

In questi giorni Campari sembra avere trovato un supporto in area 8 euro, che potrebbe essere una buona base per ripartire al rialzo.

Sul giornaliero possiamo definire le seguenti strategie operative.

Long:
Ingresso: breakout area 8,76 euro
Stop: 8 euro

1° Target: 9,07 euro, 2° target: 9,20 euro
Short:
Ingresso: breakout area 8 euro
Stop: 8,76 euro
1° Target: area 7,77 euro, 2° target: 7,41 euro

---

Nuovo corso dedicato alle FIGURE della ANALISI TECNICA, clicca QUI per info

---

0 - Commenti