Banca Ifis leader nel mercato NPL

Con un totale di 13,2 miliardi di crediti NPL in portafoglio a fine 2017, Banca IFIS si conferma leader di mercato nel segmento retail non protetto.

17 operazioni chiuse fino ad oggi nel 2017; circa 13,2 miliardi di euro di crediti gestiti, corrispondenti a 1 milione 520 mila posizioni; più di 700 persone tra cui collaboratori e reti di vendita dedicate al business NPL e progetti digitali progettati per offrire un servizio più concreto a chi ha difficoltà finanziarie.

Questa, in breve, è l'area NPL del Gruppo Banca IFIS. La business unit dedicata all'acquisto, alla gestione e alla riscossione dei crediti deteriorati annunciata l'11 dicembre ha chiuso due operazioni separate per l'acquisto di mutui NPL per complessivi 336 milioni di euro (valore nominale) nei segmenti retail e corporate. La prima di queste operazioni, stipulate con Intesa Sanpaolo, prevede un portafoglio di crediti non garantiti da contratti di leasing senza garanzia, per un totale di 2.400 posizioni, per un valore nominale di circa 85 milioni di euro.

L'area NPL si è espansa notevolmente su diversi fronti durante il 2017. Tra gli sviluppi più importanti che si sono verificati sono stati gli acquisti di portafoglio significativi, l'assunzione di nuovi membri del team (un totale di 200 risorse che equivale all'85% in più di nuove voci nel settembre 2017 rispetto a nello stesso periodo del 2016) e l'ingresso nel mercato del prestito con cessione del quinto dello stipendio che offre nuove opportunità redditizie a tutti i clienti retail di Banca IFIS.

Alla luce delle operazioni finalizzate, le posizioni NPL che Banca IFIS avrà sotto la sua gestione a fine 2017 saliranno a 1 milione, 520 mila - un numero molto significativo rendendo la gestione efficace un processo fondamentale per il raggiungimento dei ricavi e della redditività del Gruppo .

---

Vuoi conoscere le migliori azioni su cui investire i tuoi risparmi?

Clicca QUI per scoprire il servizio dedicato!

---

2 - Commenti

paolo cavalleri

paolo cavalleri - 20/12/2017 16:57 Rispondi

Riccardo Zago

Riccardo Zago - 20/12/2017 17:28 Rispondi