Azioni USA: nuovo brio per Pfizer con trimestrale e vaccino Covid

  • Pfizer ha riportato ricavi netti e utili migliori delle attese degli analisti nel primo trimestre del 2020;
  • ricavi e utili sono risultati inferiori rispetto allo stesso periodo del 2019;
  • Pfizer sta notevolmente accelerando nello sviluppo di un vaccino per contrastare la diffusione del coronavirus.

Pfizer ha divulgato i dati relativi al primo trimestre del 2020. La casa farmaceutica statunitense ha riporto ricavi netti pari a 12 miliardi di dollari, superiori alle aspettative del consensus degli analisti poste a 11,8 miliardi di dollari. Il confronto sui primi tre mesi dell'esercizio 2019 ha tuttavia fatto segnare una contrazione dell'8%. Nel primo quarter dello scorso anno i ricavi netti furono pari a 13,1 miliardi di dollari. fatti segnare nei primi tre mesi dell’anno fiscale 2019.

Pfizer ha sviluppato un utile netto di 0,80 dollari per azione, battendo anche in questo caso le previsioni degli analisti di 0,73 dollari per azione. Il risultato del colosso farmaceutico a stelle e strisce è stato raggiunto grazie a un utile netto dei primi tre mesi 2020 di 3,44 miliardi di dollari, anche in questo caso dato in calo (-12%) rispetto ai 3,88 miliardi di dollari fatti registrare nello stesso periodo del 2019.

Dall’inizio della pandemia da Coronavirus, Pfizer ha dovuto rallentare alcuni test clinici in corso. Negli ultimi giorni ha iniziato una raccolta virtuale di dati, ove possibile, per riprendere molti progetti già iniziati. Dal punto di vista finanziario, Pfizer ha confermato gli obiettivi per l’intero anno 2020. I ricavi netti previsti si collocano tra 48,5 e 50,5 miliardi di dollari, mentre l’utile netto è previsto in un intervallo tra 2,82 e 2,92 dollari per azione.

L'attenzione degli operatori di mercato in questa fase è proprio concentrata su un tema specifico: la lotta al Coronavirus. La sfida tra le divertse case farmaceutiche e Biotech è ai massimi livelli e Pfizer ha dichiarato che il processo di sviluppo del vaccino contro il Covid-19 sta subendo una forte accelerazione.

L’azienda prevede di iniziare la sperimentazione sugli uomini entro brevissimo tempo e potrebbe rappresentare un vero e proprio traino alle quotazioni del titolo in Borsa. La società USA ha assicurato di essere in grado di produrre milioni di dosi di vaccino entro la fine dell’anno. Se i risultati sull’uomo avranno gli effetti desiderati, si potranno produrre centinaia di milioni di dosi nel corso del 2021.

Azioni Pfizer: oggi primo target, ecco nuovi livelli di trading

Alcune settimane fa mi ero occupato di Pfizer segnalando il suo impegno nella ricerca di un vaccino per debellare definitivamente il coronavirus. Il colosso farmaceutico statunitense aveva appena sottoscritto un accordo di collaborazione con la società biotecnologica BioNTech e ha da subito dimostrato ottime prospettive per il futuro. Nei giorni successivi alla pubblicazione dell’articolo il titolo ha effettuato il breakout al rialzo dell’area segnalata a quota 36,46 USD e proprio oggi ha raggiunto il primo target proiettandosi velocemente verso il secondo.

Quotate al NYSE, le azioni Pfizer dopo avere raggiunto il minimo degli ultimi sei anni a quota 27,88 USD ha innescato un rally rialzista che ha fatto di nuovo segnare un massimo relativo superiore al precedente. Il titolo si è inoltre riportato al di sopra della media mobile a 200 giorni e sembra decisamente proiettato verso il massimo del 2020, raggiunto lo scorso gennaio. Analizziamo dunque i nuovi livelli chiave di trading da considerare sul time frame giornaliero:

Long

Ingresso: attendere un ritracciamento durante il rally al rialzo in atto
Stop: appena al di sotto del minimo relativo precedente
Target: area 40,97 USD 2° target: area 43,23 USD.

Short

Ingresso: breakout area 35,37 USD
Stop: appena al di sopra del massimo relativo precedente
Target: area 33,44 USD 2° target: area 31,53 USD.

0 - Commenti