Analisi di Avio, il leader italiano nella propulsione spaziale

• 11 luglio 2019 Avio perde il 14% a causa di un lancio fallito con Vega;
• da Settembre + 17% per Avio in borsa;
• rifinanziati dall’ESA appieno i programmi in cui Avio è leader;
• conferma di tutti i target 2019.

Avio è una azienda leader nel campo della propulsione spaziale che affonda le sue radici nella storica BPD – Difesa e Spazio di Colleferro (Roma). L’esperienza e il know-how acquisiti nel corso degli oltre 100 anni di attività consentono ad Avio oggi di primeggiare nel campo della propulsione spaziale a solido, a liquido e criogenica.
Avio oggi ha un ruolo strategico nel settore spaziale a livello mondiale nell’ambito del programma Ariane 5, il più grande lanciatore satellitare europeo.

Dal 2000 Avio è capo commessa e sistemista di riferimento del vettore europeo Vega, un lanciatore leggero per satelliti fino a 1.500kg.
Avio sbarca sul segmento Star del mercato italiano il 10 aprile 2017 con una quotazione tramite Spac, oggi il titolo capitalizza 370 milioni di euro.
L’11 luglio il titolo è crollato perdendo il 14% in una giornata dopo che il lanciatore Vega ha fallito il lancio in orbita di un satellite (dopo averne fatti 12 consecutivi perfettamente riusciti). L’over reaction degli investitori a portato il prezzo a scendere a 12.2 euro per azione con un passaggio di mano di piu’ di 1.1 milioni di azione in quella giornata.

Da Settembre 2019 il titolo ha evidenziato una ripresa che ha portato Avio a valere oggi 14.06 euro per azione mostrando una performance del 18%.
Il 7 Novembre 2019 Avio ha presentato i conti dei primi 9 mesi del 2019 con ricavi a 270.3 milioni ed in crescita del 3% rispetto all’anno precedente, anche il margine operativo lordo è salito del 5%, mentre sono aumentati anche le percentuali degli ammortamenti.

Pochi giorni fa Avio ha confermato la guidance 2019 già anticipata ad inizio anno, in particolare:

  • Net Order Backlog: chiusura di fine anno leggermente inferiore alle attese per la firma di alcuni contratti differita ad inizio 2020;
  • Ricavi: prossimi alla guidance, nonostante il parziale rallentamento su alcune attività a seguito della failure del VV15;
  • EBITDA Reported: guidance confermata;
  • Net income: guidance confermata, gli effetti economico-finanziari delle attività tecniche necessarie per il ritorno al volo di Vega a seguito dell’anomalia del volo VV15 saranno bilanciati con i programmi ESA associati al trattamento delle anomalie in volo.

Il trend sul comparto aerospaziale è di interessante analisi e sta fornendo ad Avio un grande supporto nella sua crescita organica. Infatti il budget europeo per le attività aerospaziali è aumentato del 36% rispetto al triennio precedente, attestandosi a 14.4 miliardi (record nella storia dell’ESA, European Space Agency). L’Italia è leader nel settore e beneficerà di 2.3 miliardi di budget ( il 16% del totale dei fondi sottoscritti dai governi degli stati coinvolti nell’ESA) nei prossimi 3 anni ovvero il 72% in piu’ rispetto al precedente triennio.

I programmi nei quali Avio svolge un ruolo di primo livello, ovvero Vega, Ariane e Space Rider, sono stati confermati e rifinanziati con 2.2 miliardi (+39% rispetto ai precedenti tre anni).

---

Scopri come battere Warren Buffet, guarda il VIDEO.

---

0 - Commenti