Alfio Bardolla, l'azione è sotto il prezzo di quotazione

Il titolo Alfio Bardolla ha segnato una pagina di storia della borsa italiana, questo bisogna ammetterlo.

Con i prezzi che, subito dopo la quotazione, sono triplicati, passando da circa 3 euro per azione ad oltre 9 euro, il titolo ha fatto sognare i numerosi seguaci del "Coach numero 1" in Italia, famoso per riempire le sale di aspiranti milionari.

Dopo il massimo storico dell'anno scorso, dove l'azienda ha raggiunto una capitalizzazione di circa 40 milioni di euro, il trend si è invertito, ed il titolo è sceso lento ed inesorabile, tanto da scendere sotto il prezzo di quotazione.

Come vanno i conti dell'azienda?

Vediamo i bilanci ufficiali (in allegato):

Il 2017 è andato bene, con l'esercizio chiuso con un utile di 419 mila euro.

I primi 6 mesi del 2018, invece, non sono andati bene. L'azienda ha perso 121580 euro. A spiccare, nel bilancio semestrale, è la voce " Costi per servizi ", ovvero i costi sostenuti per il marketing. Con una spesa di 3 milioni e mezzo di euro, questa voce rappresenta il il 50% del fatturato.

Questo mi fa capire che Alfio Bardolla Training Group sta investendo molto sul suo brand. Una cosa che nel breve crea una perdita ma che, nel lungo termine, potrebbe rivelarsi una mossa vincente.

Alfio Bardolla ha piu' volte dimostrato di saper estrarre valore dalla sua azienda e nonostante siano in molti ad essere scettici, soprattutto dopo che la rivista l'espresso ha pubblicato un articolo secondo il quale la sua catena di "American coffe" Arnold, sarebbe vicina al fallimento, io credo che, a questi prezzi, sia arrivato il momento di investire su questo titolo. 

Cosa ne pensate?

 

8 - Commenti

Luca Discacciati - 30 ottobre 12:05 Rispondi

bell'articolo Mario. L'unica cosa che mi preoccupa del titolo in questione è che sia un po troppo "Bardolla centrico". Se dovesse mancare Alfio, cosa succederebbe all'azienda? Avrebbe la forza di andare avanti senza una figura cosi carismatica? Una scommessa si puo fare, sia chiaro... ma la stessa cosa la penso di Berkshire Hataway di Warren Buffet. 

Rossano Montori - 30 ottobre 12:25 Rispondi

Io non lo valuto un penny. Fa solo marketing pubblicitario xD Nelle sue “righe” di presentazione c’è scritto a chiari lettere “metodi per fare fini al 300% annuo”. Questa frase é pura provocazione e in malafede verso chi si avvicina a questo mondo. È veramente scorretto scrivere una cosa del genere qualunque sia poi l’intento.

Lui poi ti dice di seguire le sue lezioni gratuite per capire di cosa parla, ma in tutti i casi è fuoriviante. Fa parlare di sè e penso questo sia il suo obiettivo ma questo non toglie la malafede della sua frase.

Valentino Berlusconi - 30 ottobre 12:41 Rispondi

seguo

pietro vecchi - 30 ottobre 13:06 Rispondi

il titolo è stato sostenuto dal successo iniziale dei Pir, essendo il titolo uno dei più appetiti nel perimetro di tale prodotto.

Per come la vedo io, l'amico Alfio vende fumo, di conseguenza vedo un futuro altrettanto... nebuloso.

francesco pandiscia - 30 ottobre 14:39 Rispondi

come andare short sul titolo quindi? qualche certificato?

Ronnie Laureana - 31 ottobre 12:52 Rispondi

Bè L Arnold coffee fallirà sicuramente. Un mio socio ci aveva investito 50k e dalle ultime riunioni del cda è chiaro che il progetto di vendere ad una grossa catena di caffè è fallito per ovvi motivi. 

Giovanni Di Liberto - 02 novembre 08:21 Rispondi

E' solo un venditore di pentole.......

Ronnie Laureana - 16 novembre 21:18 Rispondi

no per quello è un genio