AIRBUS in programma lo sviluppo di jet ibridi

  • Airbus annuncia che è in corso lo sviluppo di un programma per produrre aerei con emissioni sostenibili entro il 2035;
  • Si tratta della costruzione di jet ibridi, in cui una parte del motore sarà alimentato da energia elettrica;
  • Sul listino francese Airbus è in crescita da sei anni e sembra non volersi fermare.

Guillaume Faury, amministratore delegato di Airbus, settimana scorsa ha annunciato alle agenzie di stampa che entro il 2035 l’azienda produrrà aerei a impatto ambientale contenuto.

In particolare saranno sviluppati velivoli ibridi, in cui una parte del sistema di propulsione sarà generata da componenti elettrici, mentre la restante parte da combustibile.

L’azienda costruttrice di aeromobili sta già lavorando, in collaborazione con altre aziende, alla creazione di un prototipo di aereo con motore ibrido, la cui alimentazione elettrica sarà garantita da una batteria del peso di due tonnellate.

Siamo in una fase iniziale della ricerca, però Airbus lascia trapelare di avere programmi ben precisi sul tema della sostenibilità; stiamo comunque parlando di un jet ibrido quindi la sperimentazione richiede del tempo, ecco perché le tempistiche arrivano fino al 2035.

Il progetto si inserisce all’interno delle direttive delineate dalla Commissione europea, che mirano a una drastica diminuzione delle sostanze inquinanti da parte degli aerei.

Gli studi indicano che gli aerei ibridi o completamente elettrici, hanno la capacità di ridurre in modo considerevole le emissioni di CO2 generate dai velivoli attualmente in uso.

Al mercato Euronext di Parigi, analizzando il grafico settimanale, il titolo si trova all’interno di una tendenza di lungo periodo positiva che si protrae ormai da almeno sei anni.

Dopo una fase laterale che è durata parecchio tempo, Airbus ha prima effettuato il breakout al rialzo della media mobile a 200 periodi (leggi la nostra guida sulle medie mobili) a metà del 2010, quindi a fine 2011 ha rotto definitivamente la resistenza del canale orizzontale.

Dal quel momento i prezzi hanno radicalmente cambiato la pendenza e sono sempre rimasti saldamente al di sopra della media mobile a 200 periodi, che a sua volta si è stabilmente inclinata verso l’alto.

All’inizio di questo trend il titolo quotava intorno ai 28 euro mentre adesso siamo a circa 134 euro. Mettendo quindi a segno un rialzo del 378%.

Analizzando il time frame giornaliero, quindi focalizzandoci su uno storico più breve, Airbus ha subito una forte discesa negli ultimi quattro mesi del 2018, arrivando a toccare un minimo di 77,50 euro.

In seguito ha poi ripreso la sua corsa al rialzo nel 2019, in cui si è riportato decisamente al di sopra della media mobile a 200 periodi.

Vediamo ora quali sono i livelli da considerare sul grafico daily.

Long:

Ingresso: breakout area 136,68 euro, oppure attendere un pattern rialzista sulla ex resistenza a quota 133,25 euro                                  Stop: minimo relativo precedente                                                                                                                     

Target con ingresso breakout: trailing profit                                                                                                     

Target con ingresso su ex resistenza: 133,68 euro e successivamente trailing profit

Short:

Ingresso: breakout area 133,25 euro
Stop: zona 136,68 euro
1° Target: area 128,30 euro 2° target: 115,28 euro

0 - Commenti